Pagine

mercoledì 16 ottobre 2013

"L’amore si rivela come trascendenza, perché è tendere verso l’altro. L’altro è l’oltre."

"L'ideale poetico del romantico rasenta il linguaggio mistico e religioso, in cui il sentimento trabocca dal cuore, incontenibile, e si veste di parole cariche di sacralità. In questo senso l'amore è un mezzo che ha il proprio fine in un continuo miglioramento di sé. Il Sacro indossa l'Eros per muovere lo spirito verso la trascendenza. Il dicibile sull'amore è un incompiuto pienamente realizzato. Le infinite parole che analizzano o magnificano l'amore ne confermano l'inspiegabilità (...). Le parole intessute su ogni possibile forma d'amore sono orpelli, per coronare 
un'interiorità abissale che, con le parole o con l'arte, non viene soltanto celebrata ma più spesso celata (...).
L'amore si rivela come trascendenza, perché è tendere verso l'altro. L'altro è l'oltre. "

[tratto dal primo capitolo dell'ultimo libro di Claudio Marucchi: "EROTISMO E SPIRITUALITA'" ]


"