Passa ai contenuti principali

"Erotismo e Spiritualità" di Claudio Marucchi

La travolgente forza ispiratrice dell'amore è contemporaneamente in 

grado di elevare l'individuo o disperderlo nell'abisso della frammentazione. 

L'amore è alla base di ogni forma di illuminazione, come ogni forma di autodistruzione. 

Per questo si dice folle d'amore” o “innamorato follemente”. Il vero amore esige un grado

di follia che lo avvicina all'esperienza mistica o magica. 

La via dell'amore è connaturata al desiderio di sé, ma si realizza nel desiderio della perdita 

di sé. Come stella polare interiore orienta il  soggetto a mettersi in cammino verso se 

stesso, per scoprire che ci si conquista abbandonandosi, ci si ritrova perdendosi, e così via,

di paradosso in paradosso.

Un simile desiderio è il punto di contatto tra l'amore per il partner (eros) e l'amore

universale (agape). Solo una visione monca può continuare a concepire questo distinguo

come una reale separazione. Non è un caso che in alcuni contesti antichi, gli amanti si

chiamino tra loro fratello e sorella. Accade con Iside e Osiride in Egitto, e anche con la

coppia mirabilmente celebrata nel Cantico dei Cantici. Il partner è l'incarnazione

dell'universo, dell'alterità assoluta, quindi eros è la possibilità pratica di agape.

Un'attitudine moralizzatrice ha spaccato la continuità e l'identità tra sessualità e vita

spirituale. Ciò che il moralismo ha strappato, la pratica può ricucire. La pratica è retta

dalla dimestichezza con i simboli. Lo stesso termine “simbolo” - dal greco “syn-ballein”

mettere insieme-indica la cura per riparare i danni fatti dal moralismo. Quando il simbolo

tende la mano all'inconscio, la profondità del sacro risponde. L'incontro tra le due istanze

incita la produzione di una sintesi nella coscienza, il vertice di eros e sacro, emblema del

ricongiungimento, del matrimonio dell'uomo con l'assoluto.”

(dal primo capitolo di Erotismo e Spiritualità di Claudio Marucchi)






Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per t…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …