Passa ai contenuti principali

Nella notte senti il profumo, di giorno scopri il fiore.

La notte è fatta per ballare, sognare, cantare.
La notte è fatta per ascoltare, per vedere ciò che di giorno ci sfugge.
Nella notte, puoi sussurare all'orecchio di uno sconosciuto senza il timore che riconosca il tuo sguardo.
Nella notte, puoi guardare negli occhi di uno sconosciuto e scoprire la loro profondità, senza sole l'essenza ha bisogno di brillare per illuminare la strada.
Quando sei solo, nel silenzio della notte, ogni casa manifesta la sua vita, rumori di ogni sorta per farti sentire che anche le cose possono parlare.
La notte è fatta per baciare, il giorno per fare l'amore, non puoi volare con l'altro in una stanza buia.
Nella notte senti il profumo, di giorno scopri il fiore.

La notte è fatta per scrivere, per chi, come me, ha bisogno di passarla in bianco e rubare con la penna un suo consiglio...


Post popolari in questo blog

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Cosa fare quando ti senti un po' giù...

Ci sono momenti della vita nei quali sembra che tutto ti stia crollando addosso: non ti senti bene con te stessa, le tue relazioni non riempiono le tue giornate, non ti senti a tuo agio in nessun posto, il lavoro non ti soddisfa più e chi più ne ha più ne metta. Può capitare a chiunque, anche alle persone che esternamente sembrano le più realizzate e felici: “va tutto bene…però…” è quel “però” il problema, è quel dubbio, quel non sentirsi totalmente realizzati, manca sempre qualcosa. Questi periodi di turbamento spesso accompagnano o anticipano momenti di grande cambiamento: ci sono scelte da prendere, nuove strade da percorrere, senti mancare la terra sotto i piedi e sì, sembra proprio che nulla vada come dovrebbe andare.


La prima cosa da fare in questi casi è concedersi un momento in cui tutto sembra crollarti addosso, conceditelo! Non c’è niente di male, non è un fallimento ma un un’occasione per guardarti dentro. E’ un segno che la vita ti manda per dirti: “Prendi il tuo tempo, lasci…

Cosa insegni agli altri?

Credo che la radice della maggioranza dei problemi psicologici della nostra epoca sia solo una: il distacco dalla nostra Madre Natura. Penso, ad esempio a tanti libri della spiritualità contemporanea che parlano di gratitudine o di abbondanza. Chi vive in campagna o comunque ha idea di come funzioni il processo naturale della vita in Italia, sa che ci sono verdure e frutta per ogni stagione, che molte di esse possono essere colte liberamente, e ce ne sono in abbondanza. Chi conosce le piante non morirà mai di fame.

Questa conoscenza dovrebbe essere portata nelle scuole, è più importante sapere di cosa puoi nutrirti o quante battaglie ha fatto Napoleone? Chi cresce in città crede che l'unico modo per mangiare sia avere i soldi per farlo, questo non è vero e specialmente immette nella coscienza l'informazione che la propria sopravvivenza sia legata al denaro e quindi ai modi che ci sono per procurarselo. Le persone vivono nel terrore di perdere tutto credendo che il pianeta non s…