Passa ai contenuti principali

Il Progetto Felicità

Il Progetto Felicità nasce per rispondere a un’esigenza, quella di mostrare che la vita è un’esperienza meravigliosa se la si vive con la gioia nel cuore. I mass media monopolizzano una campagna contro l’umanità potentissima, quel che viene trasmesso 24 ore su 24 è che il mondo è un luogo terribile, pieno di pericoli dove bisogna fare attenzione e stare sempre allerta perché il dolore e la violenza ti seguono a un passo di distanza. Nelle scuole viene insegnata la cronaca di tutte le guerre e tutti soprusi che gli uomini hanno commesso gli uni contro gli altri per accaparrarsi un pezzo di terra, oro o potere, si insegna che è con la guerra che si ottiene la pace e che tutta la vita sarà una perenne lotta contro tutto e tutti per guadagnarsi un posto al sole e un po’ di serenità. L’uomo ordinario vive accompagnato da un perenne stato d’animo d’angoscia e timore, ha paura persino di coloro che ama, ma perché avviene tutto questo?
La risposta in realtà è molto semplice, la gente crede che la felicità sia provocata da fattori esterni, pensa che la felicità sia qualcosa che si trova “là fuori” , che sia la risposta a uno stimolo ma questo nella realtà dei fatti non è vero. Tutti noi conosciamo persone sempre allegre, che non si lamentano mai e che hanno  sempre una buona parola per tutti, queste persone portano la loro gioia in giro per il mondo e la condividono con gli altri, quando si alzano la mattina sono già di buon umore perché hanno capito che la felicità, quella vera, non può venire dall’esterno, mai.
Il Progetto Felicità nasce con l’ambizioso quanto semplice intento di deprogrammare la visione catastrofica dell’esistenza, unisce esercizi e pratiche volti a permettere a chi le pratica di trovare il pozzo della felicità nel proprio cuore e si rivolge a bambini di ogni età. Nel mio libro: “Il Piccolo Dreamer- Programmatore di Mondi” ho inserito un concetto già noto all’estero e quasi sconosciuto in Italia si tratta dell’idea di “Lezioni di Felicità”, durante queste lezioni i partecipanti scoprono che la felicità vive dentro di loro e imparano come accedervi a proprio piacimento.
A partire dal mese di gennaio 2016 inizierò a portare questo progetto in giro per l’Italia, tenendo Lezioni di Felicità nelle scuole per i più piccoli e nelle associazioni per i grandi, molti relatori straordinari e competenti hanno già aderito a questo progetto e mi accompagneranno durante queste Lezioni. Se sei interessato a frequentarne una, oppure se gestisci un’associazione o sei un’insegnante e desideri avere una Lezione di Felicità all’interno della tua struttura scrivi a:  info@progettofelicita.org indicando il tuo nome e cognome, città e motivazione.
Presenterò per la prima volta il Progetto Felicità domenica 18 ottobre a Milano al Dreamers Day, se sei in zona cogli l'occasione per venire a trovarmi!

Grazie dal profondo del cuore a tutti coloro che già hanno aderito al Progetto e a chi aderirà in futuro, da parte mia e da parte di tutti i bambini del mondo che meritano un futuro felice!

Buon Viaggio...


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…