Passa ai contenuti principali

"L'Estasi nella Coppia, un miraggio raggiungibile solo se..." di Lorenzo Olivieri

Il godimento puro avviene solo se c'è libertà...
                      La libertà è presente solo se non vi è gelosia...
         La gelosia alimenta l'attaccamento e ci allontana dall'Estasi...

In queste 3 frasi è riassunto il tema che voglio condividere con questo
articolo, diciamo che potresti anche non continuare a leggere, ma se
proprio hai deciso di iniziare, ti consiglio di proseguire fino alla fine.
Non avrei mai pensato di scrivere un articolo di questo genere fino a quando l'esistenza non mi ha spinto a riflettere sulle mie sofferenze
e sui vari dolori degli amici a cui voglio bene.
Ma non è un articolo che parla di ESTASI?
Si lo è, ma non pensare di arrivare all'ESTASI senza prima sublimare
l'attaccamento e la gelosia...

La sofferenza per Amore è una piaga sociale, ognuno di noi ci è passato numerose volte nella vita, alcuni continuano ad attraversare queste sofferenze, come in un loop senza fine, sembra qualcosa impossibile da bloccare, ma esiste una via d'uscita ed è la ricerca dell'Estasi.

Prima di arrivarci analizziamo la parola “amore” e scopriamo che questo termine non significa nulla da solo, siamo noi a dargli un significato. In molti parlano di amore ma in realtà pensano alla gelosia, all'attaccamento, al bisogno!
Quando la maggior parte delle persone dice di amare pensa sempre e solo a se stessa.

Solo apparentemente due fidanzati si dicono: “ Ti amo”  l'un l'altro, (ci siamo passati tutti) se ci fosse qualcuno a tradurre i loro pensieri, il risultato sarebbe: “Ti amo se tu mi ami, ti sono fedele se tu mi sei fedele, amo solo te se tu fai lo stesso con me”, insomma un grande abbaglio globale.
Se vogliamo dare un significato all'Amore, quello che si avvicina di più è: volere il bene supremo dell'altra persona… STOP.  
L'altra persona non è obbligata a ricambiare questo tuo amore.

Ripeto:
La persona che ami non è obbligata a ricambiare il tuo amore.

E' qui che entra in gioco l'Estasi...prendiamo il caso in cui due persone si incontrino, sentano un'attrazione che è impossibile spiegare a qualcun altro, si amino, rendendosi conto di essere Liberi nel loro Amore. 
In che senso? Non cercano nulla dall'altra persona, ognuno si offre INCONDIZIONATAMENTE.



Amore incondizionato...significa che se tu desideri la libertà, devi essere il primo o la prima a offrirla...se non lasci libera l'altra persona non puoi pretendere nulla più dell'amore geloso, l'amore dei tele-film e delle trasmissioni di Maria de Filippi.

Abbiamo appena oltrepassato il primo stadio...e sappiamo, viste le sofferenze per amore che ci sono in giro, che poche persone riescono a superarlo.
Il secondo stadio è l'Alleanza Animica di due individui liberi, la coppia non è più formata da due metà e possiamo dire che potrebbe anche non chiamarsi più coppia, perché?
Perché l'Alleanza Animica nasce quando ci rendiamo conto della Maestosità di chi abbiamo accanto.
La sensazione che dona condividere degli attimi di vita insieme ad una persona che gode della tua presenza senza richiedere nulla in cambio non si può chiamare coppia.
La coppia così come la intendiamo in questa terra, ha dei diritti e doveri sanciti dal patto scritto davanti alla Legge o all'Universo. L'estasi è possibile solo fuori da quella che chiamiamo “coppia” e solo se riusciamo a superare questa divisione.

Intrapresa la via dell'Estasi non si può più tornare indietro, è come quando si decide di varcare una soglia, su quella soglia appaiono tutti i "mostri" che una persona ha dentro di sé. Se riusciamo a guardare in faccia questi "mostri" senza spaventarci, ci affacciamo dentro il nostro Essere e vi intravediamo una LUCE INTERIORE INFINITA che non avevamo mai visto e finalmente riusciamo a distinguere la "LUCE" del Sole da quella dei "Focolari".

LA LUCE CI DONA L'ESTASI
I FOCOLARI CI DONANO SOFFERENZA

Nella via verso l'Infinito non esistono solo Ombra e Luce, esiste anche una Luce "FINTA", che dobbiamo imparare a riconoscere e purificare offrendo ad essa tutte le nostre sofferenze.

La Luce finta è il Focolare delle nostre sofferenze...
L'ESTASI appare quando il calore di questo FOCOLARE si spegne.














Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…