Passa ai contenuti principali

Come usare "Quel che una Strega sa" per imparare a riconoscere la Via del Cuore

Scrivo questo post a seguito dei molti messaggi ricevuti da coloro che sentivano che questo libro è qualcosa di più di un semplice libro, e per tutti coloro che non potendo essere presenti alle mie presentazioni non colgono l’essenza del testo.
Questo libro mi è stato donato, non è frutto di una creazione immaginaria ma risultato di un ascolto profondo, ascolto di cosa? Ciascuno lo chiama nel modo che preferisce: coscienza universale, energia unica, spirito, anima…ogni persona ha la sua definizione per ciò che non ha nome. Amo raccontare storie, il primo libro che ho scritto racconta una storia, il prossimo ne racconterà un’altra ma “Quel che una Strega sa” non racconta una storia bensì porta alla luce il messaggio profondo della scoperta di sé. Ci sono voluti più di cent’anni per scriverlo perché racchiude l’esperienza di vita di due streghe in due epoche diverse ma non lontane. Vorrei dire a tutti coloro che l’hanno comprato e a tutti color che lo compreranno come “Quel che una Strega sa” va usato. Consultando il libro potrete notare che è una raccolta di diversi tipi di istruzioni: alcune sono informazioni sull’atteggiamento interiore che un essere libero che ascolta se stesso tiene per non perdersi nel marasma della vita ordinaria; altre sono affermazioni che il lettore può usare come vere e proprie formule magiche atte all’attraversamento cosciente della “Via del Cuore”. Queste affermazioni vanno lette e ripetute all’inizio di ogni giorno o prima di andare a dormire, sostituendole successivamente con affermazioni proprie che potranno essere appuntate nella sezione presente alla fine del libro dal titolo: “Il mio Diario”. Per questo motivo “Quel che una Strega sa” non è un libro che può essere letto in un giorno ma ogni sua pagina va vissuta come un’esperienza unica, dedicando l’intera giornata all’approfondimento del tema trattato. E’ molto importante che il lettore si serva dell’ultima parte, quella aperta al Suo Sentire, è per questo motivo che il libro mi è stato donato, perché lo condividessi con tutti coloro che hanno scelto di ascoltarsi e che a volte non si sentono in grado di farlo affinché si rendano conto che ogni persona è un essere unico e speciale e che la Via del Cuore è aperta a tutti.
"Quel che una Strega sa" può anche essere usato a scopo divinatorio, ponendo una domanda e aprendo il libro "a caso", il lettore troverà la risposta di cui ha bisogno, uno spunto per comprendere meglio la situazione o un consiglio su come agire per cambiare le cose.
Grazie!
Buon Viaggio...
                                           Link per l'acquisto:
           http://lnx.schoolfordreamers.com/quel-che-una-strega-sa/

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…