Passa ai contenuti principali

Come usare "Quel che una Strega sa" per imparare a riconoscere la Via del Cuore

Scrivo questo post a seguito dei molti messaggi ricevuti da coloro che sentivano che questo libro è qualcosa di più di un semplice libro, e per tutti coloro che non potendo essere presenti alle mie presentazioni non colgono l’essenza del testo.
Questo libro mi è stato donato, non è frutto di una creazione immaginaria ma risultato di un ascolto profondo, ascolto di cosa? Ciascuno lo chiama nel modo che preferisce: coscienza universale, energia unica, spirito, anima…ogni persona ha la sua definizione per ciò che non ha nome. Amo raccontare storie, il primo libro che ho scritto racconta una storia, il prossimo ne racconterà un’altra ma “Quel che una Strega sa” non racconta una storia bensì porta alla luce il messaggio profondo della scoperta di sé. Ci sono voluti più di cent’anni per scriverlo perché racchiude l’esperienza di vita di due streghe in due epoche diverse ma non lontane. Vorrei dire a tutti coloro che l’hanno comprato e a tutti color che lo compreranno come “Quel che una Strega sa” va usato. Consultando il libro potrete notare che è una raccolta di diversi tipi di istruzioni: alcune sono informazioni sull’atteggiamento interiore che un essere libero che ascolta se stesso tiene per non perdersi nel marasma della vita ordinaria; altre sono affermazioni che il lettore può usare come vere e proprie formule magiche atte all’attraversamento cosciente della “Via del Cuore”. Queste affermazioni vanno lette e ripetute all’inizio di ogni giorno o prima di andare a dormire, sostituendole successivamente con affermazioni proprie che potranno essere appuntate nella sezione presente alla fine del libro dal titolo: “Il mio Diario”. Per questo motivo “Quel che una Strega sa” non è un libro che può essere letto in un giorno ma ogni sua pagina va vissuta come un’esperienza unica, dedicando l’intera giornata all’approfondimento del tema trattato. E’ molto importante che il lettore si serva dell’ultima parte, quella aperta al Suo Sentire, è per questo motivo che il libro mi è stato donato, perché lo condividessi con tutti coloro che hanno scelto di ascoltarsi e che a volte non si sentono in grado di farlo affinché si rendano conto che ogni persona è un essere unico e speciale e che la Via del Cuore è aperta a tutti.
"Quel che una Strega sa" può anche essere usato a scopo divinatorio, ponendo una domanda e aprendo il libro "a caso", il lettore troverà la risposta di cui ha bisogno, uno spunto per comprendere meglio la situazione o un consiglio su come agire per cambiare le cose.
Grazie!
Buon Viaggio...
                                           Link per l'acquisto:
           http://lnx.schoolfordreamers.com/quel-che-una-strega-sa/

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per t…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …