Passa ai contenuti principali

Magia, parole e femminilità

Sempre più spesso sentiamo parlare di energia femminile, è un’espressione che entrata nel linguaggio comune ed anche persone estranee agli ambienti esoterici, riconoscono questa vibrazione come qualcosa di tangibile e potente. Questo perché nella maggior parte dei casi sono le donne a veicolare un certo tipo di vibrazione e a portare nel mondo la sensazione di qualcosa che va al di là di ciò che è visibile agli occhi. In realtà non esiste l’energia femminile, esiste l’energia che può essere manifestata da esseri di genere sessuale differente, qualunque essere può farsi veicolo dell’infinito e usare questa energia per ampliare la propria visione e portare aiuto al prossimo, che altro non è che un frammento dell’universo che lo rispecchia e lo riconosce.

Il primo segreto magico vive nel pensiero, qualunque pensiero ripetuto e alimentato verrà manifestato nella materia, di qualsiasi pensiero si tratti, a patto che l'intenzione sia potente e pura. La parola "pura" in questo contesto non h nulla a che vedere con un filtro di tipo moralista ma con la sua definizione prima "non mescolata ad altre sostanze", ciò significa che il pensiero, il desiderio creativo deve essere chiaro e armonico. Svelato il primo segreto magico passiamo al secondo: dopo il pensiero viene la parola, l'impeccabilità nella parola è la chiave per la manifestazione di un intento, ogni parola da noi pronunciata ha una vibrazione e un'energia ben precisa, essere attenti alla precisione oratoria è fondamentale. Il luogo comune vuole che la parola detta voli mentre quella scritta scritta resti, non è così, i nostri discorsi incidono attimo dopo attimo il mondo che ci circonda e creano le infinite variabili della nostra esistenza. Questo significa che un pensiero puro e una parola impeccabile porteranno inevitabilmente alla manifestazione dell'intento.


Il potere magico dell’energia universale, che ripeto non è maschile o femminile è nelle mani di coloro che hanno una mente pura ed una parola impeccabile, frutto di un lavoro interiore incessante che porta al riconoscimento di una responsabilità totale in tutto ciò che accade. Il mondo si manifesta attraverso la bellezza e l’armonia, una bellezza che non tutti  sono in grado di cogliere, un’armonia che va al di là della descrizione che ci è stata fornita dai maestri di sventura e profeti del disastro che si sono occupati della nostra educazione. La magia è semplicemente quella forza invisibile e sconosciuta che permette al divino di manifestarsi in ogni attimo, sta a noi saperla cogliere e se lo desideriamo veicolarla oppure goderne semplicemente, per un’esistenza gioiosa e felice.
Buon Viaggio...






                                "Quel che una Strega sa" di Vega Roze
                http://lnx.schoolfordreamers.com/quel-che-una-strega-sa/

                                    

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…