Passa ai contenuti principali

Sono pazza...ho il ciclo!


 -Sei matta? Che ti prende? Non ti riconosco! –
Quante volte noi donne ci siamo sentite dire queste parole in “quei” giorni? E quanto ci siamo trovate spiazzate e stupite dalle nostre reazioni? Sentendoci fragili, bisognose di affetto o di silenzio, di cioccolato e chi più ne ha più ne metta! Molte di noi vivono il periodo del ciclo mestruale come qualcosa di doloroso, un problema da nascondere e schiacciare più possibile, tentando in quei giorni di far finta di nulla, di comportarci come al solito. 
Tentando insomma di rendere possibile l’impossibile!
In realtà, la nostra cultura occidentale che vuole ogni individuo sempre uguale, prevedibile e omologato ha tolto alle giovani donne l’antica conoscenza della ciclicità del proprio corpo. Potremmo dire che in realtà noi non abbiano il ciclo, noi siamo ciclo. Ogni mese alle donne viene data la straordinaria opportunità di purificare il proprio corpo, di lasciare andare il vecchio per far posto al nuovo seguendo la ciclicità naturale di ogni essere vivente del nostro meraviglioso pianeta. 
 Nell’antichità le donne conoscevano i misteri e i doni di questa ciclicità e sapevamo come sfruttarli al meglio per conoscere se stesse e il mondo. Poi quando il potere maschile si è fatto più forte e invasivo ha allontanato la donna dalle sue radici cercando di modificarla e schiacciarla a sua immagine e somiglianza. Non è intenzione di questo articolo spiegare le ragioni sociali, filosofiche e politiche che hanno portato a questo stato di cose esiste un’ampissima scelta di testi che spiega i vari perché. Quel che mi preme ora è far comprendere ad ogni donna che l’era della repressione è finita e che ciascuna di noi può risvegliare se stessa alla propria vera natura. Il nostro corpo femminile è come un tempio che noi dobbiamo conoscere, onorare e amare. 
E’ giunto il momento di smettere di sentirsi sbagliate, diverse o inappropriate e di accogliere questa ciclicità come un dono, non come la punizione o lo condanna ben raccontate da tante religioni del passato, religioni create da uomini che temevano la grande forza del femminile. 
Per fare questo passaggio interiore è importante conoscersi, parlare con altre donne, osservare come la nostra ciclicità sia collegata alle fasi lunari e a quelle della nostra Madre Terra. 
Le fasi cicliche che attraversiamo sono in realtà la nostra forza, ognuna di esse porta lo sviluppo di diverse capacità, donano: intuizioni, forza fisica, chiaroveggenza etc. 
Le donne, esattamente come la Madre, sono in grado attraverso il loro corpo di portare un’anima dall’aldilà in questo mondo attraverso il miracolo della gravidanza. Il sangue mestruale non è qualcosa di sporco di cui vergognarsi ma la prova che siamo uguali a madre natura, il nostro corpo sa come rigenerarsi e purificarsi ogni 28 giorni. La nostra energia in quei giorni è al massimo, in alcune popolazioni dell’antichità era un onore per uomo potersi unirsi sessualmente ad una donna in “quei” giorni, significava grande forza, nutrimento, contatto diretto con la divinità che proprio attraverso il sangue si manifestava nel corpo femminile.
In questo periodo storico anche molti uomini stanno cambiando, uscendo dal loro ruolo precedente di padri e padroni forti e intransigenti. L’uomo di questa era ha aperto il proprio cuore, è più sensibile e pronto ad essere compagno attento e premuroso. Questo rende più facile l’accoglienza della propria ciclica femminilità e aggiunge amore alla condivisione della vita in comune.
Per comprendere meglio la nostra essenza femminile ci incontreremo giovedì 11 maggio presso il "Molo di Lilith" a Torino. L’incontro è aperto a tutte le donne di qualsiasi età.
Per tutte le informazioni e per le iscrizioni scrivere o telefonare a:
workconoscitestesso@gmail.com
vegaro24@gmail.com
Giulia tel. 347/0570278
PER L'EVENTO FB CLICCA QUI


                                                                            SCOPRI I MIEI LIBRI


                                       QUEL CHE UNA STREGA SA




                                                     LA QUADRATURA DEL CERCHIO
                                             

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 

Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non si…