Passa ai contenuti principali

Grazie Virginia

A volte, in rari casi della vita ci troviamo ad affrontare qualcosa che sentiamo come più grande di noi, ci sentiamo persi, lontani, le nostre piccole menti non comprendono, le gambe tremano, è in queste rare occasioni che il cuore ha due scelte: chiudersi e stringersi fin quasi a scomparire o spalancarsi accogliendo tutto l’amore che c’è, il mio ieri, grazie a te Virginia ha oltrepassato ogni confine. 
Ieri c’è stata la festa del tuo funerale, Virginia, esattamente come la volevi, una festa meravigliosa con centinaia di invitati accorsi da ogni parte del mondo per onorare la tua vita e benedire il tuo passaggio a più alte vibrazioni di armonia, in quel mondo vicino e oltre nel quale ci rechiamo quando perdiamo le nostre spoglie mortali. 
Ho imparato tanto alla festa del tuo funerale, ho imparato in silenzio, semplicemente osservando tutte le persone che ti amano, le ho viste cantare l’amore e la gioia, le ho viste anche piangere perché si sa che quando amiamo tanto qualcuno e questo qualcuno se ne va, piangiamo, ci sentiamo tristi perché anche se sappiamo che il nostro amico ha completato la sua missione e ora vive in un mondo di puro amore, ci mancherà comunque il suo abbraccio. Tu, Virginia mi hai insegnato che è l’amore che doniamo a renderci immortali, niente d’altro, resta di noi solo ciò che abbiamo lasciato libero e tu della Libertà, quella con la L maiuscola sei maestra.
La settimana scorsa hai deciso di liberarti della costrizione della carne, l’hai fatto nel tuo stile, senza chiedere permesso, semplicemente sei partita per un altro viaggio, donando parti di te a chi ne aveva bisogno. 
Penso a quella bimba di 11 anni nel cui petto ora batte un nuovo cuore, il tuo, un cuore che la renderà forte e selvaggia, che la darà la forza di affrontare l’avventura della vita senza paura, proprio come te.
Penso alle centinaia di amici che sono venuti a salutarti, belli come il sole, belli di cuore. 
Penso a quella donna meravigliosa che è tua madre, la sua forza, le sue parole, ieri ho visto cos’è la vera compassione, così tra il dolore e l’amore lei era si preoccupava per l’anima di colui che ti ha riportata nella luce, per la sua famiglia e per tutte quelle migliaia di giovani che rischiano lo stesso destino ogni sabato notte. 
Penso a tuo padre, alle tue sorelle, alla tua migliore amica…quanto amore nei loro abbracci, nelle loro lacrime e nei loro sorrisi, ho imparato che è l’unità a renderci forti.

Ieri, grazie a te, Virginia, ho fatto un tuffo nell’amore profondo, ho capito che cosa è importante e che cosa deve essere lasciato andare per far posto al cuore e a lui soltanto. Il tuo Sogno è grande giovane amica e noi continueremo a seguirlo, grazie a te abbiamo scoperto cos’è la vera Fede, cos’è fluire con la vita, lasciarsi guidare dalla bellezza e dall’amore per la scoperta e amare, amare senza limiti tutto ciò che ci fa cantare il cuore. Grazie.




Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per t…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …