Passa ai contenuti principali

Lasciati andare...

Che cosa sono l’amore, la vita, la coscienza? Tre parole dense di significato che per ciascuno di noi hanno interpretazioni diverse. Le emozioni, le sensazioni hanno dei nomi eppure nessuno le vive allo stesso modo, definizioni ampie che possiamo riempire con i colori che preferiamo, con quelli che sentiamo più nostri in un turbine di influenze, deviazioni e stralci d’eternità presente.


Qualche giorno fa stavo vivendo un momento molto impegnativo emotivamente: la trasformazione di una relazione, lo spettro di mille altre dimenticate ma mai dissolte volava e penetrava nel corpo, creando nuovo dolore, indicando la ferita aperta e mai sanata, ferita antica che attraeva infezioni e parassiti, era giunta davvero l’ora di disinfettarla, di permetterle di chiudersi. Mentre restavo sul dolore, mentre sentivo che non ero lui e allo stesso mi immergevo nella sua profondità per spremerlo fino alla fine, per buttare fuori anche quello di scorta, alzai lo sguardo e chiesi ad un amico: “Cosa devo fare?” lui mi rispose: “Lascia andare” nella sua lingua significava: “non ci dare importanza, pensa ad altro”. La vecchia me avrebbe seguito il consiglio, avrebbe schiacciato quel dolore in fondo al corpo, lo avrebbe nascosto sotto il tappeto, pensato ad altro, per un sollievo momentaneo, che avrebbe solo allargato la ferita, infiammandola ancor di più, pronta ad esplodere alla prossima occasione buona. E mentre restavo lì, ancora in dubbio sul reprimere e dimenticare o vivere fino alla fine, un’intuizione, un angelo invisibile sussurrò al mio orecchio: “Lasciati andare”. 

E per una volta, ho abbandonato ogni forma di controllo, mi sono lasciata andare totalmente, ho espresso tutto quel che sentivo ho vissuto in presenza quel che si scatenava dentro di me, e se il mio intervento pubblico previsto per quel giorno fosse andato male a causa di quel lasciarmi andare, poco male, nessuno dei presenti avrebbe comprato il mio libro e avrei perso amici che amici non erano, la mia libertà, il mio amore di me al primo posto e al diavolo tutto quel che mi sembrava “importante”. Mi sono lasciata andare all’emozione per giorni, rilasciando e permettendomi di essere, permettendomi di vivere, e non ho intenzione di smettere. Sono fortunata, so di esserlo perché ho il dono di sentire le voci dell’invisibile agli occhi ma sono certa che anche tu che leggi hai questo dono, forse non ci hai mai fatto caso, forse non ti sei mai lasciato andare davvero, semplicemente per questo non sai chi sei. Mi sono resa conto che nell’illusione nel mio spremere la vita a ogni attimo, nel vivere sempre l’ultimo momento avevo dimenticato una delle cose più importanti: gioia e dolore sono le due facce della stessa medaglia, donano la stessa intensità, se non dai loro valenza, se non giudichi te stessa per quel che provi ma lasci che la Vita faccia il suo corso, si aprono oceani di pace e bellezza. 


Navigo ora per questi oceani, sento la brezza e il profumo dell’essenza, lasciati andare e ci ritroveremo insieme a godere di questo mare. Grazie.


Buon Viaggio…

                      A QUESTO LINK PUOI ACQUISTARE IL MIO ULTIMO LIBRO!


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…