Passa ai contenuti principali

Risposta a Gramellini sulle favole. Quel che dice è falso, ecco perché...

Questa mattina aprendo la home di facebook come d’abitudine mi sono imbattuta in un articolo di Massimo Gramellini che parla di un’inchiesta della rivista letteraria “The Atlantic”:  “giunta alla conclusione che in quest’epoca di ansie assortite e lettori bisognosi di cure affabulatorie, soltanto gli inglesi siano ancora capaci di popolare l’immaginario dei bambini di ogni nazione ed età. Vado avanti nella lettura: “ E gli italiani? Avendo copiato gli americani praticamente in tutto, non potevamo che seguirli anche in questa strage della fantasia immolata sull’altare della cosiddetta realtà. Pinocchio è un gigante della narrativa universale, eppure fu ignorato per un certo periodo persino dai suoi contemporanei” e ancora: “Ma non ha lasciato eredi. Oggi si scrivono favole anche molto poetiche, intasate soprattutto di animali che parlano e ragionano come gli umani, ma manca la magia della spiritualità che in un Paese cattolico come il nostro viene ancora associata esclusivamente alla religione”.  Così, respiro profondamente e lascio fluire quel che sento, ho come l’impressione che ci si sia dimenticati di un gran numero di autori italiani, riconosciuti a loro volta nel mondo per l’originalità e la profondità dei loro racconti, penso ai più famosi come Calvino, Pirandello o il più popolare Gianni Rodari. E penso agli autori invisibili, e alle fiabe lette create da bambini e adulti che affollano centinaia di meravigliosi siti internet italiani. Non è vero che la fantasia e la creatività italiane sono morte o che Collodi non abbia eredi, vero è che questi autori sono sconosciuti, sconosciuti alla massa e probabilmente anche allo stesso Gramellini vista la difficoltà non solo di venir pubblicati nel nostro paese, ma di essere distribuiti e recensiti per via del dominio del grande colosso editoriale italiano che sceglie e veicola gli interessi del lettore medio. In quest’epoca nella quale è così difficile per un artista emergere grazie solo alla sua creatività, oggi, e parlo per esperienza diretta, non ti basta scrivere un libro, devi essere presente sui social, devi creare una rete, e seguire tutto un insieme di regole imposte per potere vendere qualche migliaio di copie. Perché? Perché anche nel settore dell’editoria difficilmente si va avanti grazie alla meritocrazia, anche in questo settore, un’autrice emergente come me riceve proposte di dubbia moralità, chi riconosce il tuo talento solitamente pensa a come sfruttarlo al meglio. Mi è stato chiesto di modificare i miei contenuti, di cambiare il mio aspetto, non mi sono mai piegata, e vado avanti per la mia strada, ho trovato un editore che crede in me per quel che scrivo e per come sono ma non tutti hanno avuto la stessa fortuna. Tanti giovani sperano di emergere grazie a qualche concorso, senza sapere che la maggior parte di quei concorsi sono pilotati dal solito colosso editoriale, lo stesso vale per la stampa, mi è stato detto da giornalisti di importanti quotidiani che hanno adorato il mio libro che non possono scriverne perché non è in linea con la politica del giornale. Vado avanti comunque, i miei lettori aumentano e la storia che ho scritto, ricca di spiritualità e fantasia coinvolge grandi e piccini, non mi preoccupo, so che farà il suo corso perché ciò che è bello alla fine vince sempre, e lo stesso vale per tanti bei racconti di altri autori che ho avuto modo di leggere tramite internet. Quel che voglio dire al Signor Gramellini è che la fantasia non è morta qui in Italia, anzi è viva più che mai e che forse è giunta l’ora di aprire la porta a chi crea bellezza e veicola messaggi importanti, e di avere il coraggio di schierarsi dalla parte dell’arte una volta per tutte.
Grazie


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…