Passa ai contenuti principali

E se i tuoi Sogni avessero il potere di modificare la realtà?

“Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo.”
Gianni Rodari

C’è stato un momento storico nel quale ogni tipo di immaginazione è stata castrata, a scuola come in azienda ogni individuo è stato gentilmente invitato a seguire il percorso già scritto da altri per lui, a rimanere con i piedi per terra e a non desiderare nulla più di quel che suggeriva la televisione. Ogni idea innovativa, ogni tendenza a una scelta diversa veniva punita, la pena era il vivere fuori dal mondo, lontani da tutti, poveri e infelici. Ricordate quel tempo? Poi pian piano, timidamente, alcuni animi coraggiosi hanno iniziato a emergere, raccontando storie diverse, vivendo vite particolari degne di un bel romanzo. 

Creativi di ogni ceto, razza e religione hanno alzato la testa e deciso di vivere secondo il proprio credo, hanno spento le televisioni, mandato a quel paese manager/padroni, e creato una realtà differente, ora quelle persone vivono la vita che sognavano. Ma come hanno fatto questi eroi della libertà a cambiare il loro mondo? La risposta è molto più semplice di quel che si potrebbe pensare, la chiave di qualsiasi cambiamento è il potere immaginativo dell’individuo. Moltissimi tra noi hanno dimenticato questo potere a causa del bombardamento informativo della società, tra giornali, internet e televisioni l’uomo non riesce più a mantenere quella visione aperta e creativa che ha accompagnato la sua infanzia. L’immaginazione è la chiave di accesso a nuovi mondi, la fantasia ci permette di trovare soluzioni alternative, di modellare il nostro mondo, di rendere più bella la nostra casa, di cambiare il nostro aspetto come la storia della nostra vita. Quel che è interessante è che più si allena questa capacità, più essa si sviluppa, e modifica il nostro mondo, viene chiamata: “Arte del Sognare”.
Ma che cos’è esattamente l’Arte del Sognare? E perché è così importante conoscerla e praticarla?
Potremmo definire l’Arte del Sognare come la capacità di gestire intenzionalmente il nostro pensiero e direzionarlo verso quel che realmente vogliamo, è usare l’immaginazione con coscienza senza lasciarsi imbrogliare dalle migliaia di pensieri volanti che ci passano per la testa e ci portano spesso a perdere un sacco di tempo vagando per mondi che non abbiamo scelto. Quando decidiamo di sognare coscientemente, ad esempio potremmo decidere di voler sognare il sogno di una farfalla, e quindi viaggiare dentro di essa, chiudere gli occhi e scoprire quel che vede una farfalla grazie al potere della nostra immaginazione, come per magia siamo in grado di vedere la vita da differenti punti di vista. Oppure potremmo decidere di sognare il nostro futuro e mentre immaginiamo quel che vogliamo, la nostra mente ci aiuterà a trovare soluzioni per andare incontro al futuro desiderato, questo accade di rado se non si sogna intenzionalmente.
Come è fondamentale essere nel momento presente per godersi appieno la vita, è altrettanto fondamentale dedicare un po’ di tempo all’interno delle nostre giornate alla nostra creatività e fantasia.
Per introdurre in modo semplice questa Arte così importante e bella ho scritto un libro dal nome: “Il Piccolo Dreamer Programmatore di mondi” edito da Efdien Publishing, in esso sono contenuti tutte quelle conoscenze che rendono accessibile il mondo della creazione a chiunque. E’ un romanzo scritto in un linguaggio semplice, accessibile a grandi e piccini, proprio per far sì che tutti ma proprio tutti possano conoscere l’Arte del Sognare e scegliere la propria vita. Voglio ringraziare tutti quei lettori di ogni età che mi scrivono raccontandomi le loro esperienze nel meraviglioso mondo della Città di Cristallo, il mio sogno più grande è che ciascuno di voi viva i propri Sogni.
Buon Viaggio verso la libertà…




Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…