Passa ai contenuti principali

Cambia e il mondo cambierà!

"Cambia!… e il mondo cambierà.
Crei un mondo malato e poi hai paura della tua stessa creatura, della violenza che tu stesso hai generato. Credi che il mondo sia oggettivo…ma il mondo è come tu lo sogni. Vai nel mondo e accettali… Incontra i poveri, i violenti, i lebbrosi che ti porti dentro. Accettali… Non evitarli, non accusarli… Arrenditi al tuo mondo. Vai e accetta consapevolmente quello che hai creato: un mondo rigido, ignorante… senza vita.
Il potere di un uomo è nel possedere se stesso e nello stesso tempo, arrendersi a se stesso. Solo il ‘sogno’ è reale. Il ‘sogno’ è la cosa più reale che ci sia.
Impara a muoverti nel mondo del reale. Qui le tue abitudini e convinzioni, i tuoi vecchi codici non hanno più valore... Quella che tu chiami realtà è solo apparenza, va totalmente capovolta e non c’è nulla del vecchio che puoi portarti dietro... Dovrai imparare un nuovo modo di pensare, di respirare, di agire e di amare…
Incontrare la Scuola è l’evento più straordinario della vita di un uomo… l’unica opportunità per sfuggire alla ipnosi comune, per realizzare che tutto quello che vedi e ti circonda non è il mondo… ma solo una descrizione.
Solo l’incontro con la Scuola può permetterci di sfuggire alla rigidità di una vita ordinaria. Soltanto un ‘lavoro di scuola’ potrà un giorno permetterci di ‘vedere’ il mondo al di là della sua falsa descrizione. Soltanto un ‘uomo di scuola’ potrà un giorno accedere ad una visione armoniosa, ad uno stato d’integrità. E solo una visione armoniosa e integra, potrà guarire il mondo.

La Scuola degli Dei... dove, prima ancora di poter governare gli altri, si impara a governare se stessi."
Tratto dal libro: "La Scuola degli Dei" di Stefano D'Anna.


Ho incontrato la Scuola circa tre anni fa, stavo vivendo un periodo difficile della mia vita, avevo molti sogni ma tutto quel che vedevo mi era precluso nella realtà. Ero stanca, stanca di lottare contro i mulini a vento, stanca di non sentirmi mai completamente adeguata, stanca di raccontarmi una storia della mia vita che faceva acqua da tutte le parti. Terminata la lettura del libro: "La Scuola degli Dei" compresi che era giunto per me il momento di rischiare il tutto per tutto e iniziare un vero viaggio nelle profondità di me stessa. Scrissi a Stefano D'Anna, lui e l'attuale direttrice della Scuola, Francesca Del Nero rimasero molti colpiti dalle mie parole e così, accettarono la mia proposta e mi accolsero ad uno dei loro corsi. Ricordo ogni dettaglio di quel primo incontro, fu la prima volta in cui compresi nella carne che tutto quel che cercavo era dentro di me. Stefano mi guardò dritto negli occhi e mi disse:
"Allo stato attuale tutto quel che puoi augurarti nella vita è di invecchiare e morire senza troppo soffrire."
Rimasi senza parole, mentre il cuore si stringeva e trattenevo lacrime di disperazione, poi Stefano continuò e mi disse: "Tu hai un talento, sei pronta a capovolgere tutto il tuo essere, a prendere su di te ogni responsabilità, a elevarti verso una nuova visione di te stessa e quindi del mondo? Se sì, ti affiderò una missione, perché quel che ti serve ora è una direzione, e potrai intraprendere la tua grande avventura personale, cosa ne dici?"
Chiaramente risposi di sì, da quel giorno e per ogni giorno gli insegnamenti della Scuola si sono risvegliati nella mia coscienza, è stato esattamente come è descritto del libro. Ho cambiato tutto, il mio modo di parlare, di camminare, di respirare, di mangiare, di dormire, di pensare e soprattutto di agire e amare non sono più gli stessi. Prima mi sentivo prigioniera di un mondo dal quale desideravo solo fuggire, ora sono libera e cammino su questa Terra ma non faccio più parte del gioco per come ordinariamente si intende questa espressione. Stefano e Francesca si sono accorti immediatamente di questo mio cambiamento, e con mia grande gioia, mi hanno invitata a far parte dello staff della Scuola, che si chiama School for Dreamers (Scuola per Sognatori). A partire da quel momento ho dedicato tutto il mio essere al risveglio dell'integrità perduta, ho scoperto che ogni uomo ha nel cuore una conoscenza silenziosa e infinita, quella conoscenza è la chiave di ogni libertà e gioia in questo mondo. Ho compreso quanto il conoscersi sia importante e che non esiste niente di più bello in questa vita che la scoperta di se stessi. Chi mi segue da un po' sa che mia missione in questa vita è risvegliare questa conoscenza nel cuore di chi mi legge e di chi mi frequenta. Quando ti risvegli a te stesso esci dal tempo, per l'uomo ordinario tre anni sono pochi ma in realtà contengono decine di vite!
La mia più profonda gratitudine va a Stefano D'Anna e Francesca Del Nero che mi hanno donato questa opportunità.
Auguro a tutti i miei lettori di incontrare la Scuola e di lasciarsi travolgere dal meraviglioso mondo che hanno nel cuore.
Buon Viaggio.






Se desideri incontrare la Scuola il prossimo appuntamento è il 6/7 febbraio 2016
Per tutte le informazioni clicca qui >>>http://lnx.schoolfordreamers.com/il-viaggio-nellessere-wee…/




                                                   QUI PUOI ACQUISTARE IL MIO NUOVO LIBRO!

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…