Passa ai contenuti principali

"L'amore al servizio dell'autorealizzazione" di Claudio Marucchi

Il più sano principio per approcciarsi alla dimensione tantrica è la libertà, nella sua accezione più intima e consapevole. Una libertà che non abbia più bisogno di essere “contro” qualcosa, che non sia in conflitto con ciò da cui pretende di liberarsi. Non aggressiva, ma unificante, leggiadra, superiore. Naturalmente non si tratta di capricciosa licenziosità, né dello sfogo del represso, tantomeno della via di fuga del disadattato, ma di una libertà matura, che misura l’ampiezza della comprensione delle proprie dinamiche interiori, che saggia continuamente il progresso nell’autoconoscenza. Questa forma di libertà è altamente difficile da realizzare, perché non consiste in uno stato delle cose, ma in uno stato di coscienza.  



La gestione della libertà mette continuamente alla prova il praticante, e le ricadute sono più dolorose della pur faticosa conquista. La congiunzione del proprio lato animale con il proprio lato divino rappresenta il motore del risveglio del lato potenziale o latente. Il pericolo maggiore consiste nella gestione della libertà, perché viviamo in un sistema che illude di essere liberi, ma reprime e schiavizza. La libertà abbraccia la dissoluzione, quindi è pericolosa per tutte le strutture, soprattutto quelle politiche e religiose. Nessuna religione spinge all’identificazione dell’uomo in un Dio, mentre ogni vero percorso spirituale promuove l’edificazione dell’Uomo-Dio.
L’amore di cui stiamo parlando, al servizio dell’autorealizzazione, non può e non deve mai mettere in imbarazzo la libertà. Rinunciando alla libertà, l’amore perde se stesso. L’amore è una forza, non una debolezza, non può quindi concedere nulla alla dipendenza, alla paura, al possesso. Gelosia, esclusività, attaccamento, sono maschere delle proprie paure e debolezze, un modo meschino per tradire l’amore. Spacciando la gelosia e l’attaccamento per sintomi di quanto si voglia bene e “si tenga” all’altro e così via, si rinnega la natura dell’amore. Confondere la gelosia e la dipendenza con una dimostrazione di affetto, significa scambiare la paura con l’amore. La paura e la dipendenza sono debolezze, mentre l’amore è una forza. Cedere la proprietà del proprio corpo o pretendere quella del corpo altrui implica rinnegare la natura dell’amore. Trattare il partner come una proprietà esclusiva significa renderlo un oggetto; significa scambiare per amore un senso di territorialità più simile a quello che un cane ha dello spazio in cui gli consente di muoversi la sua catena. La catena misura tutto il suo mondo.

Tratto da: "Erotismo e Spiritualità" di Claudio Marucchi Ed. Età dell'Acquario
                                                             
                                                             Erotismo e Spiritualità





Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Il libro che tutti i genitori dovrebbero leggere

“L’inizio è stato come uno schiaffo, tutto di un colpo mi sono resa conto che ero talmente immersa nel ruolo di madre da essermi dimenticata cosa significa essere bambina. Una doccia gelata che mi ha risvegliata.” Sara, Varese


“Ho letto il libro insieme a mio figlio di 5 anni, ero convinto di leggere il libro a lui e per lui, tutte le sere una decina di pagine, le figure, le spiegazioni delle parole difficili. Il Piccolo Dreamer dà continui spunti che spronavano mio figlio a parlare, a raccontarmi delle sue emozioni e a chiedermi di me, non avevo mai avuto con lui un tale dialogo che non si è più interrotto. Grazie!” Massimo, Milano
“Ho acquistato il Piccolo Dreamer, seguendo il consiglio di un’amica, prima di darlo a mia figlia ho voluto leggerlo io e ho capito tanti errori che come madre non mi rendevo conto di fare. Dovrebbe essere un libro per bambini ma lo ritengo un testo per adulti, ora vedo mia figlia di 12 anni con occhi diversi, e il nostro rapporto è migliorato tantissimo. Tutt…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 

Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non si…