Passa ai contenuti principali

"L'amore al servizio dell'autorealizzazione" di Claudio Marucchi

Il più sano principio per approcciarsi alla dimensione tantrica è la libertà, nella sua accezione più intima e consapevole. Una libertà che non abbia più bisogno di essere “contro” qualcosa, che non sia in conflitto con ciò da cui pretende di liberarsi. Non aggressiva, ma unificante, leggiadra, superiore. Naturalmente non si tratta di capricciosa licenziosità, né dello sfogo del represso, tantomeno della via di fuga del disadattato, ma di una libertà matura, che misura l’ampiezza della comprensione delle proprie dinamiche interiori, che saggia continuamente il progresso nell’autoconoscenza. Questa forma di libertà è altamente difficile da realizzare, perché non consiste in uno stato delle cose, ma in uno stato di coscienza.  



La gestione della libertà mette continuamente alla prova il praticante, e le ricadute sono più dolorose della pur faticosa conquista. La congiunzione del proprio lato animale con il proprio lato divino rappresenta il motore del risveglio del lato potenziale o latente. Il pericolo maggiore consiste nella gestione della libertà, perché viviamo in un sistema che illude di essere liberi, ma reprime e schiavizza. La libertà abbraccia la dissoluzione, quindi è pericolosa per tutte le strutture, soprattutto quelle politiche e religiose. Nessuna religione spinge all’identificazione dell’uomo in un Dio, mentre ogni vero percorso spirituale promuove l’edificazione dell’Uomo-Dio.
L’amore di cui stiamo parlando, al servizio dell’autorealizzazione, non può e non deve mai mettere in imbarazzo la libertà. Rinunciando alla libertà, l’amore perde se stesso. L’amore è una forza, non una debolezza, non può quindi concedere nulla alla dipendenza, alla paura, al possesso. Gelosia, esclusività, attaccamento, sono maschere delle proprie paure e debolezze, un modo meschino per tradire l’amore. Spacciando la gelosia e l’attaccamento per sintomi di quanto si voglia bene e “si tenga” all’altro e così via, si rinnega la natura dell’amore. Confondere la gelosia e la dipendenza con una dimostrazione di affetto, significa scambiare la paura con l’amore. La paura e la dipendenza sono debolezze, mentre l’amore è una forza. Cedere la proprietà del proprio corpo o pretendere quella del corpo altrui implica rinnegare la natura dell’amore. Trattare il partner come una proprietà esclusiva significa renderlo un oggetto; significa scambiare per amore un senso di territorialità più simile a quello che un cane ha dello spazio in cui gli consente di muoversi la sua catena. La catena misura tutto il suo mondo.

Tratto da: "Erotismo e Spiritualità" di Claudio Marucchi Ed. Età dell'Acquario
                                                             
                                                             Erotismo e Spiritualità





Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per t…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …