Passa ai contenuti principali

#progettofelicità

Credo profondamente nella felicità come soluzione, so che una persona felice non farà mai la guerra, difficilmente si ammalerà o si rifiuterà di aiutare qualcuno in difficoltà, semplicemente perché una persona felice non ha tempo per queste cose. 
Chi è felice si concentra su quel che di bello riesce a creare, su quel che può dare, condivide gioia e non passa la giornata a lamentarsi di questo e di quell’altro. Non si può essere sempre felici, questo ci hanno detto mentre trasmettevano tragedie in televisione e i giornali diventavano pezzi di carta inutile buona solo da buttare il giorno dopo o da usare per farci una maschera di carta pesta. Sapete perché i giornali si buttano il giorno dopo? Perché sono brutti, non danno gioia, e fondamentalmente nessuno vuole tenere in casa qualcosa di brutto che mette di cattivo umore. Voi mi direte che avete buttato il giornale di ieri per far posto a quello di oggi, ma se il giornale fosse bello voi non lo buttereste, conservereste le foto che vi piacciono di più, magari incornicereste qualche articolo particolarmente entusiasmante etc. Il sistema che abbiamo creato fa di tutto per catturare la nostra attenzione con mille tragedie di vite che non sono le nostre, noi vediamo la tragedia di un altro e ce ne facciamo carico quindi il mondo è uno schifo, non ci chiediamo neanche se sia vero quel che ci dicono, ci crediamo e basta e non vediamo quel che di bello c’è da questa parte dello schermo. Sì perché dall’altra parte dello schermo ci sei tu nella tua casa, perché hai una casa…pensa un po’…in questo mondo che fa schifo tu hai una casa, una cucina, il frigo pieno, persone che ti vogliono bene, famiglia, amici, il cielo, l’aria per respirare etc. 
Secondo il parere di più della metà della popolazione mondiale TU hai tutto quel che ti serve per essere felice, non so se tu ti sia mai fermato a riflettere su cosa sia felicità per te. Io me lo sono chiesta, ho scoperto che la felicità per me è uno stato interiore impossibile da descrivere a parole, qualcosa che si può solo provare come l’amore, che si proietta sul mondo circostante in un secondo tempo, prima sono felice, poi accadono cose belle e non viceversa. Mi sono informata sull’argomento e scoperto che ci sono paesi nel mondo nei quali la felicità degli abitanti conta più del PIL! Ripensando alla mia infanzia mi sono resa conto che nessuno mi aveva mai insegnato a essere felice, credevo che la felicità fosse legata al possesso di oggetti e persone, crescendo ho imparato che questo stato interiore è invece legato al rapporto che ho con me stessa, comprendere di essere perfetta così come sono, amarmi e rispettarmi…questo è il segreto della mia felicità. Ho deciso così di condividere quel che la Vita mi ha insegnato attraverso il mio prossimo libro (“Il Piccolo Dreamer, programmatore di mondi” edito da Efdien Publishing, in uscita il 18 ottobre 2015), in questo scritto apro la strada a una realtà ancora poco esplorata in Italia ma molto diffusa in tanti paesi del mondo, la realtà delle “Lezioni di Felicità”. Cosa sono le lezioni di felicità? Momenti di incontro dei quali i partecipanti di tutte le età imparano ad entrare in contatto con se stessi e con il mondo che li circonda per scoprire la propria felicità e farne uno stato permanente dell’essere. Bello, vero?! 
Non voglio che tu mi creda sulla parola, come ho già detto tante volte nei miei articoli, desidero che tu sperimenti in prima persona, per questo ho in programma di tenere personalmente queste lezioni in molte scuole e associazioni in Italia,  se sei interessato a conoscere il meraviglioso mondo delle “Lezioni di Felicità”  puoi scrivermi a questo indirizzo: vegaro24@gmail.com e ti darò tutte le informazioni che desideri. Per promuovere questa iniziativa è appena partito il #progettofelicità su Instagram, nel quale puoi trovare le immagini di tutti coloro che condividono questa nuova visione, il profilo si chiama: PROGETTOFELICITA, se ti piace puoi realizzare tu stesso una foto e inviarla, più siamo, meglio è! Se non hai Instagram sappi che tra qualche giorno verrà attivata anche una pagina Facebook con lo stesso nome.
Il mio desiderio è che ci siano sempre più persone felici e che possano condividere la loro gioia con tutti coloro che li circondano, se sei una di loro continua a splendere e porta la Vita a chi ami, se invece senti che la felicità è sempre a un passo di distanza vieni a incontrarci, ci divertiremo.

Voglio cogliere questa occasione per ringraziare tutti i miei lettori che stanno sostenendo questo progetto con tanto entusiasmo, continuate a condividere e condividervi, siete meravigliosi! Grazie, grazie, grazie!

Buon Viaggio!


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…