Passa ai contenuti principali

Per paura o per Amore?

Per paura o per Amore?

Spesso capita che qualche lettore mi chieda cosa fa la differenza tra una creazione magica e l’altra. Premesso che ogni manifestazione fenomenica è magica perché creata intenzionalmente o meno dall’individuo tramite il potere del pensiero, la differenza la fa la vibrazione del pensiero che accompagna la suddetta creazione. 
Se, per esempio, compio quel che mi pare un bel gesto  ma lo faccio perché ho paura della reazione di chi lo riceve, le manifestazioni che seguiranno saranno impregnate di questa vibrazione e le conseguenze, nel tempo, non saranno “positive”. Se al contrario compio quel che può apparire come un gesto forte, ma lo faccio mossa dalla vibrazione dell’amore, le conseguenza, nel tempo, avranno esito “positivo”.  E’ molto importante sottolineare che l’amore di cui si parla è quello che viene considerato tale nella forma più alta, libero da qualsiasi condizionamento, questo significa che se desideriamo creare una realtà alternativa che sia di gioia dobbiamo farlo mantenendo la nostra essenza focalizzata sulla vibrazione dell’amore, e la nostra mente libera di creare la situazione ideale in armonia con l’intelligenza infinita. 
Ogni pensiero accompagnato da una di queste due vibrazioni, paura e amore vedrà la sua manifestazione in quella che l’uomo ordinario definisce “realtà”. 
Una persona attenta, che ha fatto proprio lo strumento dell’autosservazione potrà rendersi ben presto conto che la maggioranza dei propri pensieri e di conseguenza delle proprie azioni è impregnata dell’energia della paura, è semplicemente per questo che spesso, anche
chi si impegna per cambiare la propria vita non ci riesce, perché non è attento alla qualità dei propri pensieri e all’energia che muove le sue azioni. Per questo motivo è sempre bene chiedersi perché facciamo quel che facciamo:
 “Compio questo gesto o dico queste parole, per amore o per paura?” Ed essere molto sinceri nel rispondersi. Ogni pensiero, parola e azione mossi dalla paura non possono creare in conformità al desiderio, sempre per questo motivo la maggior parte dell’umanità non riesce ad utilizzare la legge di attrazione coscientemente.
E’ importante ricordare che creiamo in qualsiasi momento, non esiste un attimo di pausa nell’esistenza, molte persone diranno che è impegnativo…ma la strada della magia non è mai stata accessibile alla massa e mai lo sarà, solo chi decide di aprire il cuore responsabilmente può intraprendere questa via e accedere alla visone del mondo perfetta e meravigliosa che comporta. Solo chi è pronto a prendere sulle proprie spalle la responsabilità di ogni attimo, può usare la Magia e vivere nella gioia, tutto ha un prezzo, e come ogni altra cosa nel mondo, va pagato in anticipo con quale moneta puoi deciderlo solo tu: coscienza o dolore?

Buon Viaggio!


                                                         
                                      Link per l'acquisto del libro:

           http://lnx.schoolfordreamers.com/quel-che-una-strega-sa/

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 

Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non si…