Pagine

martedì 10 dicembre 2013

La libertà è uno stato dell'essere.

Mi capita spesso di sentir dire dalla gente che esiste la libertà.
In quella nazione sono liberi e tolleranti.”
Chi viaggia è uno spirito libero”
Noi siamo liberi di fare quello che vogliamo”
Gente, ho una brutta notizia per voi: non è vero!
Non siete liberi, assolutamente non lo siete, ma non perché ci siano leggi che vietano la prostituzione o per le troppe tasse. Non è che non siate liberi perché c'è da pagare il mutuo o le rate della macchina, nella maggioranza dei casi entrambi.
Non siete liberi perché misurate la libertà in base a cosa potete o non potete fare nel mondo.
Ho una pessima notizia per voi: dovunque voi siate e qualsiasi cosa facciate non vi basterà mai, non sarà mai abbastanza.
Una volta ottenuto il giocattolo tanto desiderato ne vorrete subito un altro, chi si sforzerà di osservare la propria vita con sincerità non potrà far altro che essere d'accordo.
Chiariamo subito che questo non è un male ma un gioco, un gioco fatto di regole che voi stessi avete creato per seguirle o infrangerle, dipende dai casi.
Una volta liberi dal peso del mutuo ecco che si fa strada un nuovo desiderio: magari un viaggio o l'ultimo modello di televisore, e così sempre avanti..sempre di più, ancora e ancora una nuova schiavitù nuova di zecca.
Ne consegue che fino a che collegherete la libertà al fare sarete sempre schiavi di qualcosa. La libertà è uno stato dell'essere.
Fare e essere non sono la stessa cosa, ma sono una conseguenza l'uno dell'altro.
Io non se voi siate o no e cosa abbiate o no.
So che io sono in ballo sull'essere e vi garantisco che pare sia molto più duro del tentare di fare.
E voi? Chissà voi quale danza avete scelto..
Buon Viaggio.





.