Passa ai contenuti principali

Riappropriarsi del potere dell'immaginazione

La materia è una struttura spirituale, tutto quel che vediamo e tocchiamo è spirituale cioè dello spirito, tutto nasce dallo spirito e attraverso di esso prende forma. Mi diverte sempre molto sentir parlare di mondo materiale come se fosse qualcosa che allo spirito non appartiene, quella che definiamo realtà è una proiezione della coscienza, come potrebbe non appartenere allo spirito? Questa creazione spirituale che viene chiamata materia viene effettuata dallo spirito tramite l'immaginazione, forse resteranno delusi coloro i quali credono che l'universo sconosciuto sia davvero sconosciuto, l'universo è così com'è perché lo spirito lo immagina così, su questo piano di realtà semplicemente abbiamo una coscienza limitata dello spirito ma questo non vuol dire che esso non sia presente nella sua totalità. Rivelare questo sconosciuto è il gioco di questo pianeta. E' un gioco, ed è importante comprendere che i suoi vari schemi vengono creati e possono essere modificati tramite l'immaginazione. Molti artisti hanno espresso questo concetto in forme diverse, persino una canzone molto famosa di John Lennon lo ripete, la canzone dice: "Immagina un mondo...", non dice "prega per un mondo" o "medita per un mondo", dice immagina perché solo immaginandolo esso potrà prendere forma. Proprio per questo motivo il programma è impostato per far sì che gli uomini perdano la capacità di immaginare, nei miei corsi ho scoperto che tante persone non riescono neanche a visualizzare una mela, ormai il loro schermo è nero, ci vuole molto lavoro per riattivarlo, ma non tutto è perduto.

 
Come fare allora per riappropriarsi della propria capacità di immaginare e quindi di realizzare i propri Sogni?
1 1)   Spegnere la televisione e passare meno tempo possibile davanti a schermi di ogni genere come il computer o il telefono. Se ti osservi con sincerità scoprirai la maggior parte del tempo che passi davanti a questi schermi ti porta in uno stato ipnotico per nulla produttivo.
   2)   Dedica almeno cinque minuti al giorno all’arte di creare immagini nella tua mente, parti da qualcosa di semplice come una mela, creane l’immagine con il maggior numero di dettagli che riesci a trovare. Quando ci sei riuscito passa a qualcosa di più complesso, con l’allenamento riuscirai a ricreare paesaggi interi nel dettaglio.
   3)   Modifica secondo il tuo gusto le immagini che crei, all’inizio quando vedrai la mela sarà un’immagine standard magari verde o rossa, la classica mela che vedono tutti. Prova a modificarla, crea una mela blu o rosa, aggiungi foglie particolari, e nota come con la pratica ti sarà sempre più facile inventare nuove soluzioni
  4)  Dai sfogo alla tua creatività: che sia in cucina o in ufficio cambia la disposizione dei tuoi oggetti personali, decora un piatto anche solo con una fogliolina, cerca di rendere unico tutto quel che fai. All’inizio ti sembrerà impegnativo ma con la pratica ti divertirai un mondo.
   5)   Divertititi!


Ci sono diverse scuole di pensiero per quel che riguarda la gestione della realtà: alcuni dicono che essa deve essere accolta è vissuta così come viene, che non bisogna esplorare le proprie capacità creative, è un modo di vedere e vivere la vita e va benissimo così. Personalmente penso che una volta che si sia raggiunta una certa pace interiore sia divertente e stimolante per l'essere iniziare a conoscere le proprie potenzialità, notare che prima si trova la pace e poi si inizia ad esplorare, è molto importante rispettare questo passaggio e non agire al contrario, questo concetto ha però valore per me, magari per altri sarà meglio fare diversamente. Non posso parlare dei processi interiori di tutti coloro che mi circondano. Il mio libro: "il Piccolo Dreamer Programmatore di mondi" è un libro sul potere dell'immaginazione e dello spirito, consiglio vivamente di leggerlo a tutti coloro che credono nel potere infinito presente nel cuore di ognuno di noi. Lettori di tutta Italia mi scrivono raccontandomi quel che sta avvenendo nella loro vita a causa del risveglio del potere dell'immaginazione, sono storie felici, piccole gioie e grandi successi ma soprattutto sono storie di persone che hanno smesso di credere in un mostruoso mondo materiale "fuori" e si sono concentrate sul meraviglioso mondo spirituale dentro, cambiando così scenari e stato di coscienza. 
E tu? Sei pronto per diventare un Sognatore?
Buon Viaggio!

                                 A QUESTO LINK PUOI ACQUISTARE IL MIO NUOVO LIBRO!



Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…