Passa ai contenuti principali

Siate unici, siate autentici...!

Durante il mese antecedente alla pubblicazione del mio ultimo libro ho voluto fare un esperimento, ero in dubbio sul valore del libro stesso, mi chiedevo se un testo del genere potesse essere di una qualche utilità, se veramente il mondo avesse bisogno di uno stimolo per sognare ancora, per credere nell’impossibile per ritrovare la fantasia perduta. In una serata qualsiasi nella quale queste domande mi tormentavano decisi di auto-inviarmi una mail, una mail che contenesse un messaggio ben preciso: “Il tuo mondo ti ama, non devi preoccuparti di nulla, lui pensa a tutto e risolverà ogni problema”, la scrissi e la inviai poi me andai a dormire, rilessi quella mail soltanto il pomeriggio seguente e sorrisi anche se sapevo di essermela inviata da sola, così mi chiesi che effetto potesse suscitare in persone estranee, se una mail del genere potesse far bene al cuore e far sognare un po’, “dopotutto non sarà poi male ricever una mail dal proprio mondo”, pensai. 

Creai immediatamente un account con dominio: “il tuo mondo” e inviai la suddetta mail con qualche modifica ad alcuni amici, alcuni risposero al messaggio entusiasti e altri non risposero, ebbi modo di leggere le loro conversazioni in merito, alcuni pensavano che fosse una trovata pubblicitaria altri che fosse uno scherzo, un'esigua minoranza disse che il come e il perché non era importante, gli piaceva credere il loro mondo si prendesse cura di loro e perché no…gli scrivesse anche una mail. Motivata da questo entusiasmo di pochi ma importanti invitai chi aveva risposto a suggerire nomi di amici ai quali il messaggio personale del mondo avrebbe potuto far piacere, e così è partita una piccola catena durata circa tre settimane nella quale ho inviato più di cento messaggi. Di tutte le persone alle quali ho scritto solo una ha continuato a rispondere, raccontando i propri successi personali e ringraziando ad ogni nuova mail il suo mondo perché si prendeva cura di lui, ora questo amico scoprirà che sono stata io a scrivergli ma posso garantirgli che i suoi segreti sono al sicuro! Cosa mi ha insegnato questa esperienza? Semplicemente che la gente ha un bisogno disperato di sognare e ritrovare la fantasia perduta, il comando “stai con i piedi per terra” imperversa come una spada di Damocle sulla testa del 90% della popolazione mondiale! Le persone sono pronte ad andare dietro a tutto quel che racconta la televisione, a seguire il comando: “fai come fan tutti”, sono pronte a credere a qualsiasi sciocchezza ma non hanno un cuore bambino abbastanza aperto che permetta loro di credere al fatto che il loro mondo, usando come strumento la sottoscritta, abbia voluto inviare loro un messaggio sereno di gioia e entusiasmo. 


Aprire la mente alla dimensione del sogno è esattamente questo, significa comprendere che tutto quel che ci circonda è magico, l’esistenza si serve di persone e situazioni per coinvolgerti nella sua magia, la fantasia è un mondo reale, abitato da esseri reali che possono aiutarci a cogliere l’incanto di questo splendido pianeta sul quale viviamo. Dobbiamo sempre ricordare che i nostri autentici sogni non sono mai legati alla visione di massa, se il tuo sogno è essere come qualcun altro conviene che analizzi nel profondo la motivazione che ti spinge, ogni vita è unica e speciale, ritrovare questa unicità e l’unica strada per una reale felicità, indipendente dai luoghi comuni e dall’addomesticamento al quale tutti siamo stati più o meno sottoposti durante tutta la nostra vita. Quindi smettetela di cercare sempre di essere i migliori aspirate invece ad essere unici, usate la vostra fantasia come uno strumento di creazione per una realtà diversa, fuori dagli schemi, libera e magica e se il vostro mondo vi scrive una mail...ringraziatelo...non capita tutti i giorni!

Buon Viaggio...



               Guarda il mio video: "La felicità è un diritto" intervista di Rudy Zerbi



                                                 SCOPRI IL MIO NUOVO LIBRO!








Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…