Passa ai contenuti principali

L’inconscio…questo sconosciuto.

A seguito dei messaggi ricevuti per il post precedente (http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/05/la-struttura-dellessere-umano.html) approfondiamo oggi quella parte della struttura dell’essere umano che viene comunemente chiamata inconscio ma che preferisco definire “essenza imbottigliata”. Perché “essenza imbottigliata”? Perché è quella parte di te che non fluisce sotto i tuoi occhi, in realtà si muove continuamente, compartecipa alla creazione della tua realtà senza sosta ma ti è invisibile, sigillata agli occhi del conscio. Quest’essenza imbottigliata lavora mentre sei sveglio e mentre dormi, registra ogni minimo dettaglio, è quella parte di te che genera tutto quell’insieme di sensazioni che non riesci a spiegare razionalmente: perché uno sconosciuto mi sta antipatico? Perché alcuni profumi mi infastidiscono? Perché ho paura dell’altezza? E chi più ne ha più ne metta.




Ci sono percorsi di ricerca interiore che agevolano coloro che vogliono entrare nella propria essenza imbottigliata al fine di eliminare blocchi e guarire determinati aspetti della propria esistenza, uno di questi che ho sperimentato personalmente è la Dermoriflessologia Metodo Calligaris (trovate maggiori informazioni qui: http://www.dermoriflessologia.it/calligaris.html). 
Attraverso questo metodo straordinario ho potuto esplorare parti di me che mi erano sconosciute e guarire ferite interiori legate ad avvenimenti che la mente conscia aveva rimosso. In ogni caso ci sono moltissimi altri metodi validi per fare questo tipo di lavoro, ti consiglio di fare le tue ricerche e scegliere quello che ti sembra più affine al tuo Essere. In questa sede voglio mettere l’attenzione sulla coscienza dell’esistenza della tua essenza imbottigliata, essere consapevoli della propria struttura su questo pianeta ci permette di vivere la nostra esperienza con una maggiore leggerezza, e ci libera dal fardello dell’auto-giudizio continuo. Ci permette anche di intervenire sulla nostra storia, assumendoci la responsabilità  della nostra essenza imbottigliata, non è necessario e non so neppure se sia possibile portar tutto quel che inconscio alla luce della coscienza ma tramite la santificazione dell’istante non sarà comunque necessario ai fini di vivere una vita più felice e serena. (http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/05/la-santificazione-dellistante.html)

Quel che voglio dirti è che sei un essere magico e meraviglioso, sta solamente a te decidere come e in che forma manifestare la tua Essenza.

Buon Viaggio!


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…