Pagine

lunedì 1 giugno 2015

L’inconscio…questo sconosciuto.

A seguito dei messaggi ricevuti per il post precedente (http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/05/la-struttura-dellessere-umano.html) approfondiamo oggi quella parte della struttura dell’essere umano che viene comunemente chiamata inconscio ma che preferisco definire “essenza imbottigliata”. Perché “essenza imbottigliata”? Perché è quella parte di te che non fluisce sotto i tuoi occhi, in realtà si muove continuamente, compartecipa alla creazione della tua realtà senza sosta ma ti è invisibile, sigillata agli occhi del conscio. Quest’essenza imbottigliata lavora mentre sei sveglio e mentre dormi, registra ogni minimo dettaglio, è quella parte di te che genera tutto quell’insieme di sensazioni che non riesci a spiegare razionalmente: perché uno sconosciuto mi sta antipatico? Perché alcuni profumi mi infastidiscono? Perché ho paura dell’altezza? E chi più ne ha più ne metta.




Ci sono percorsi di ricerca interiore che agevolano coloro che vogliono entrare nella propria essenza imbottigliata al fine di eliminare blocchi e guarire determinati aspetti della propria esistenza, uno di questi che ho sperimentato personalmente è la Dermoriflessologia Metodo Calligaris (trovate maggiori informazioni qui: http://www.dermoriflessologia.it/calligaris.html). 
Attraverso questo metodo straordinario ho potuto esplorare parti di me che mi erano sconosciute e guarire ferite interiori legate ad avvenimenti che la mente conscia aveva rimosso. In ogni caso ci sono moltissimi altri metodi validi per fare questo tipo di lavoro, ti consiglio di fare le tue ricerche e scegliere quello che ti sembra più affine al tuo Essere. In questa sede voglio mettere l’attenzione sulla coscienza dell’esistenza della tua essenza imbottigliata, essere consapevoli della propria struttura su questo pianeta ci permette di vivere la nostra esperienza con una maggiore leggerezza, e ci libera dal fardello dell’auto-giudizio continuo. Ci permette anche di intervenire sulla nostra storia, assumendoci la responsabilità  della nostra essenza imbottigliata, non è necessario e non so neppure se sia possibile portar tutto quel che inconscio alla luce della coscienza ma tramite la santificazione dell’istante non sarà comunque necessario ai fini di vivere una vita più felice e serena. (http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/05/la-santificazione-dellistante.html)

Quel che voglio dirti è che sei un essere magico e meraviglioso, sta solamente a te decidere come e in che forma manifestare la tua Essenza.

Buon Viaggio!