Passa ai contenuti principali

"Quel che una Strega sa"


“Quel che una Strega sa” è frutto di un ritrovamento. L’autrice trova in un mercatino alcuni diari
di una strega vissuta nel secolo scorso. Scopre magiche analogie tra i suoi appunti e quelli
dell’antica sorella. Decide così di unire in un unico scritto il “sentire” di entrambe e di riportare
in vita il vecchio Grimorio creando un nuovo “diario degli incantesimi” del cuore.

"Premessa dell’autrice
Ritrovare i diari di una Strega vissuta nel secolo scorso, è il sogno di ogni strega moderna.
Scoprire le avventure, i desideri e i segreti di una sorella mai incontrata, ma vicina nel cuore, è
un’emozione straordinaria. Un dono degli Dei. Mi sono chiesta il perché di tale incanto e la
risposta non ha tardato a manifestarsi. La sorella strega vive in ciascuno di noi e parla ai nostri
cuori con quel suono immortale che ha la vera saggezza, quella senza tempo. I diari di questa
sorella, vissuta per quasi un secolo, somigliano ai miei. Un misto di sensazioni, incantesimi,
pensieri rubati che viaggiano verso una sola direzione, la conoscenza di se stessi e quindi del
mondo secondo il famoso monito dell’oracolo di Delphi. Ho così deciso di condividere con Te che
leggi questo dono prezioso: il sentire di Eva e il mio si fondono, per dare vita a un’opera che è la
voce di ogni Essere libero.
Desidero chiarire cosa significa per me la parola strega: è un essere libero che ascolta se
stesso e vive l’esperienza della vita come un’opportunità, per conoscere e conoscersi. Una
creatura senza tempo che ascolta gli spiriti della natura e riconosce in se stessa l’essenza di
ogni cosa.
Mettersi al servizio e scrivere in nome dell’eternità. Dare certezze a chi non può sentire, a chi ha
dimenticato come guardare, è un’impresa quasi impossibile. Nessuno ti crederà perché tu per
prima non credi. Credere è la prima regola, in ciò che si sente, in ciò che si è, sapendo di essere
ogni cosa, certi di conoscere ogni risposta, perché per ogni domanda c’è una risposta, mentre
non vi è una domanda per tutte le risposte. Cercando di comunicare con te, nel profondo di te,
puoi attingere a quella scintilla di coscienza che tutto unisce e che a ciascuno parla. Lo
chiamano spirito, anima, corrente, luce, molti nomi per una sola essenza. Siamo connessi
all’immensità, volenti o nolenti, alla nostra coscienza che tutto esplora e tutto già conosce.
Qui in questo luogo senza luogo, da un posto con mille nomi ti parlo di libertà: ogni uomo nasce
e muore libero, la prigione è scelta e costruita dall’essere stesso, per gioco.
Ti sembrerà assurdo forse, ma questa è la realtà: è tutto un grande gioco cosmico.
Immensi sono gli oceani dell’essere, ancor più immensi quelli della verità: vivono uno dentro
l’altro eppure non si incontrano mai perché difficilmente si riconoscono. La verità basta a se
stessa e l’Essere è sempre un divenire lontano e forte.
Abbiamo tanti colori quante gocce di sangue nel corpo di un unico grande polmone. Ci sono
realtà differenti a servizio dei vari stadi di consapevolezza o di abbandono. Connettersi agli altri
è una di queste, connettersi a se stessi è un’altra.
Ogni cosa è dentro l’altra e allo stesso tempo la contiene. Ogni vita procede nell’attimo di mille
altre. La matematica non ha scopo nell’infinito come la parola non aiuta a definirlo. Le arti e le
scienze degli Esseri di quest’epoca progrediscono restando ferme perché dimenticano spesso
la voce dello spirito. Un mare di silenzio accoglie la coscienza di chi respira nell’infinito, una
vasta landa di realtà attende chi ascolta l’eternità.
Qui io ti aspetto e ti accolgo…Strega."
Casa Editrice: Efdien Publishing

Prima presentazione Sabato, 15 novembre 2014

Ore 17,30

Libreria Esoterica, Milano

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…