Passa ai contenuti principali

La moda del Bacio di Giuda

Gli universi che si incontrano in quel momento sono i più disparati.
Il bacio di Giuda è una specie di vizio, non è una cosa che si improvvisa. Il bacio di Giuda l'hai studiato per bene. Sai benissimo dove appoggerai le labbra, con quale intensità, occhi chiusi o aperti, con respiro o senza. E' un bacio che molti conoscono. Quel bacio che dai quando sai di non essere proprio dalla parte della ragione, un bacio devi pur darlo, non è che te ne puoi andare così.
Il bacio lo devi dare. Poche storie. E allora te ne studi uno: può essere leggero sulla guancia, veloce sul collo, profondo sulla fronte..modello papà il primo giorno di scuola. Diciamo che ce ne sono diversi tipi.
Giuda è quello che ha lanciato la moda, ha venduto il suo Maestro per trenta denari, si è avvicinato e con un bacio l'ha spedito sulla croce. La domanda è : “Senza bacio, Gesù sarebbe stato comunque crocifisso? Senza bacio sarebbe morto per noi? ”
Vediamo quindi l'importanza fondamentale del bacio. Giuda ha scelto la guancia..mi chiedo: “Il bacio sulla guancia l'ha lanciato Giuda? Vuol forse essere un avvertimento ogni volta che salutiamo qualcuno?”.
Il bacio sulla guancia te lo insegnano da piccolo: “Dai un bacio alla zia!” etc... Vieni forse addestrato fin da bambino a vendere l'anima del prossimo? Educato al tradimento fin dalla più tenera infanzia?
Ogni nostro gesto è un simbolo, la ritualità dei saluti, della condivisione a tavola e chi più ne ha più ne metta. Non conosciamo la maggioranza delle origini di questi rituali eppure li compiamo ogni giorno. Conosciamo tutti l'importanza della gestualità, del linguaggio segreto del corpo..o meglio: sappiamo perché compiamo questi gesti o agiamo meccanicamente come un cane che riporta il bastone?


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 

Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non si…