Passa ai contenuti principali

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.  Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per terra, possibilmente in cerchio, ma se qualcuno nel cerchio non vuole starci non rovina l’energia, semmai la alza, portando sul campo l’esempio di quella variabile imprevedibile che accade sempre nella vita di tutti. Non mi piace dare troppe risposte, mi piace mettere gli studenti nella condizione di trovarsele da soli, e se da un incontro all’altro le risposte variano è perché nell’universo tutto è metamorfosi. Credo nell’esperienza della vita come porta per l’infinita meraviglia della creazione, mi piace e mi interessa ogni tipo di approccio basta che porti chi lo attraversa a conoscersi e a sentire la connessione con la maestosità del cielo, con la forza del nucleo del pianeta. Chiunque abbia veramente iniziato a scoprirsi, sa che non siamo esseri isolati, sa che ferire un altro è ferire se stessi, sa che senza amore e compassione le nostre vite non potranno mai essere veramente vissute, sa che la chiave è andare incontro all'esistenza senza temerla.



La mia proposta è semplice: facciamo un passo indietro, prima di contattare gli spiriti guida, impariamo a conoscere come funzioniamo: mente, emozioni, cuore, come funzionano? Sai perché i tuoi pensieri ti parlano male di te stesso e di coloro che ami? Sai che un’emozione può essere conosciuta e trasformata all’istante? Sai che il tuo cuore ti parla di continuo, ma non riesci a sentirlo a causa del brusio mentale? In tutta onestà potresti negare che la cosa che desideri di più al mondo è la pace interiore?
Per avere la pace bisogna sapere cosa porta la guerra, non avrai molto da ascoltare, giusto qualche indicazione base, avrai molto da fare, questo sì, ma non sarai solo, io e gli altri studenti/maestri ti saremo accanto, per esplorare, per trasformare per accompagnarti sulla soglia della porta del tuo cuore, là, potrai continuare da solo e tornare per raccontarci cosa hai trovato. Non ti servono milioni di corsi, bastano 3 incontri e la voglia di metterti in gioco, di lasciar perdere quel che credi di essere e scoprire chi sei.
Quello che conta non sono le nozioni ma i risultati e la bellezza del viaggio, spostare mattoni da un luogo ad un altro non significa costruire una casa, per farlo, ci vogliono amore, dedizione e un bel progetto guida da cambiare e trasformare a seconda di ciò che senti.
Con Amore
Vega Roze

Dove?
A Torino
Quando?

Il 4 dicembre

Per tutte le informazioni e per ricevere il programma completo scrivi a: workconoscitestesso@gmail.com


Evento FB: https://www.facebook.com/events/702287649920535/

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 

Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non si…

Il libro che tutti i genitori dovrebbero leggere

“L’inizio è stato come uno schiaffo, tutto di un colpo mi sono resa conto che ero talmente immersa nel ruolo di madre da essermi dimenticata cosa significa essere bambina. Una doccia gelata che mi ha risvegliata.” Sara, Varese


“Ho letto il libro insieme a mio figlio di 5 anni, ero convinto di leggere il libro a lui e per lui, tutte le sere una decina di pagine, le figure, le spiegazioni delle parole difficili. Il Piccolo Dreamer dà continui spunti che spronavano mio figlio a parlare, a raccontarmi delle sue emozioni e a chiedermi di me, non avevo mai avuto con lui un tale dialogo che non si è più interrotto. Grazie!” Massimo, Milano
“Ho acquistato il Piccolo Dreamer, seguendo il consiglio di un’amica, prima di darlo a mia figlia ho voluto leggerlo io e ho capito tanti errori che come madre non mi rendevo conto di fare. Dovrebbe essere un libro per bambini ma lo ritengo un testo per adulti, ora vedo mia figlia di 12 anni con occhi diversi, e il nostro rapporto è migliorato tantissimo. Tutt…