Passa ai contenuti principali

Perché insegnare la felicità nelle scuole?

Spesso si pensa alla felicità come qualcosa di naturale, come uno stato che accade spontaneamente, si aspetta il momento felice come si aspetta il momento triste e ci si muove sull’altalena emozionale senza sapere veramente il perché questo avviene.
Quel che molti non sanno è che nella fase della crescita la felicità ci viene descritta, impariamo, tramite l’educazione che cosa ci deve rendere felici o tristi, ci viene insegnato che un bel voto ci rende felici, un brutto voto tristi. Ci viene insegnato che stare bene in famiglia ci rende felici…ma per chi non ha una famiglia felice il modello di riferimento sarà quello trasmesso dai telefilm televisivi o dalle storie raccontate nei libri. In molti crescono in famiglie infelici, tanti bambini conoscono molto presto la turbolenza emozionale e anche se sono maestri nel inventarsi ogni attimo un nuovo gioco, l’impronta emotiva dei genitori resta impressa nella parte inconscia della coscienza. Così senza un modello reale, il bambino ne creerà uno fittizio rincorrendolo per tutta la vita, il rincorrere questo modello farà di lui un adulto perennemente insoddisfatto, perché il mondo televisivo seppur basato sulla realtà racconta solo una parte di quel che è una famiglia felice. Dove non troverà attenzione o affetto il bambino/adulto cercherà oggetti il cui possesso placherà per qualche momento la necessità di amore incondizionato, o mangerà compulsivamente, o troverà la sua personale valvola di sfogo, sempre  nel tentativo di sedare e colmare il buco emotivo che sente nel cuore, senza riuscirci mai fino in fondo.
Certo, molti adulti, quando si rendono conto di questo stato di cose iniziano a lavorare su se stessi per far crescere il bambino interiore ferito, ma non sarebbe molto meglio se questo lavoro non fosse più necessario? Se il bambino potesse imparare quel che è la felicità per se stesso e la coltivasse durante la crescita senza lo strascico di mille traumi, o perlomeno se il lavoro dell’adulto potesse essere ridotto e affrontato in autonomia?
L’ora di felicità all’interno del programma scolastico settimanale è un momento nel quale il bambino  mette le basi per la conoscenza di se stesso, degli altri, e della propria emotività.



Fino a oggi, in Italia, nelle scuole, non c’è un momento dedicato alla crescita emotiva dei bambini, che crescono conoscendo la storia e la geografia ma ignorando completamente i propri meccanismi interiori, tutta la loro interiorità rimane chiusa tra le pareti del cuore e solo in rari casi riusciranno a svilupparla diventando adulti.
L’ora di felicità è uno spazio protetto, gestito da un ‘insegnate preparato che entrando in empatia con i bambini li aiuta a sviluppare gradualmente la coscienza della felicità, l’importanza dell’armonia, della comunicazione sincera, della risata e della condivisione, ma anche della creazione di un proprio spazio vitale, ad apprezzare la solitudine sviluppando un rapporto con la propria interiorità, con la natura e i suoi elementi.
Solo l’esperienza di una crescita accompagnata dall’ora di felicità potrà farci scoprire sul campo gli innumerevoli benefici che uno sviluppo emotivo armonico porterà nella vita adulta.
In questo momento storico però l’ora di felicità  non dovrebbe essere riservata solo ai bambini, non dimentichiamoci che la maggior parte degli adulti della nostra generazione porta in sé un bambino ferito, un bambino che ha bisogno di crescere emotivamente per poter essere un genitore o un insegnante capace di trasmettere alle nuove generazioni quell’amore incondizionato per se stessi che è la fonte di ogni felicità. La rivoluzione alla quale siamo tutti chiamati in quest’epoca è quella di sviluppare la nostra capacità di amarci e di amare, liberi dai condizionamenti infantili, capaci di dire no quando è no e sì quando è sì, in piena sintonia con il nostro cuore.
Il “Progetto Felicità del Piccolo Dreamer” nasce con l’intento di rendere l’ora di felicità una realtà in tutte le scuole d’Italia, dal gennaio 2016 più di 400 bambini in diverse scuole elementari hanno già sperimentato i benefici di questo momento speciale.
Un piccolo seme è stato messo nei cuori degli insegnanti che hanno continuato a praticare l’ora di felicità in autonomia all’interno del proprio programma scolastico dopo la mia visita.
Se anche tu senti che questo progetto può fare del bene ai cuori di tutti coloro che ci circondano, scrivimi e aiutami a portarlo nella scuola elementare o d'infanzia di tuo figlio o di qualunque bambino al quale sei affezionato! Ti invierò il Progetto per le scuole e  ti dirò come proporlo agli insegnati, in più se lo desideri potrai accompagnarmi durante la mia prima visita.
Scrivi a: vegaro24@gmail.com
Se senti che invece vorresti avere una "Lezione di Felicità" nella tua associazione, nella tua azienda o condividerla con un gruppo di amici adulti che desiderano sinceramente dedicarsi alla propria felicità imparando a conoscersi e condividerlo scrivimi e ti invierò il Progetto per adulti, insieme creeremo un Laboratorio di Felicità nella tua città. 
Scrivi a: vegaro24@gmail.com

Queste sono alcune testimonianze di bambini che hanno già abbracciato il "Progetto Felicità del Piccolo Dreamer":























Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…