Pagine

lunedì 10 febbraio 2014

La Mia Confessione

Tutto ciò in cui credete semplicemente non esiste, nel senso più reale del termine. Non è una metafora, un modo di dire atto a spingere una ricerca interiore di qualche tipo. Non esiste. Ogni istante che credete di vivere, ogni “esperienza”, ogni incontro...solo immaginazione, molto ben costruita ma forza del pensiero. Quando si parla di coscienza, si parla di qualcosa che non può essere raccontato né condiviso, è per questo che si insiste sui metodi che possono portare a questo stato dell'essere, semplicemente perché se ve lo raccontassi non ci credereste. Sarebbe solo un altro bel discorso che verrebbe interpretato come una rivelazione o un delirio.
Perché si riescono a debellare le emozioni alla base e di conseguenza a gestirle a nostro piacimento? Non perché si ha un'illuminazione o si raggiunge la buddhità...semplicemente perché si Vede il Gioco e quando lo si vede non si può più farne parte, è impossibile.
Le persone che incontriamo, i posti nei quali andiamo appartengono al nostro passato, non è un discorso filosofico è qualcosa di vero, di tangibile.
Coloro che chiamiamo Maestri, sono individui che oltre ad aver Visto sono anche in grado di condividere con il prossimo la loro conoscenza grazie alla forza dell'amore e della compassione. Questo mondo è fantastico, meraviglioso, ogni cosa è al suo posto, non c'è nulla che non vada qui, assolutamente niente, sono i nostri occhi ad essere ciechi. Perché gli occhi di questa manifestazione “fisica” non sono fatti per captare la realtà.
Se ancori ti arrabbi, se ancora soffri, se ancora accusi e ti lamenti vuol dire che ci sei ancora dentro.
Non importa se mediti ogni giorno, se sei vegano, se sei pacifista, paradossalmente questi atteggiamenti che vengono spesso connessi ad un innalzarsi dell'Essere, raramente lo sono nel profondo. Una volta che hai Visto ogni cosa conta come un'altra, è solo una questione di gusti, puoi giocare al gioco che vuoi perché sai che non cambia nulla.
Solo che spesso ti ritrovi a sognare, a sognare un'evasione e vorresti portare con te tutto il mondo perché ami l'esistenza, perché ti senti responsabile della bellezza dell'adesso. Sai benissimo che non esiste un poi e che mai esisterà, sai perfettamente che puoi essere libero, totale ed integro solo Ora.
Io dico: abbandona ogni cosa, abbandonala nella mente e dedica tutta la tua vita, tutto il tuo essere al Sogno, al sogno di essere libero, non c'è niente d'altro che importi e niente che valga la pena essere vissuto se prima non ti sei liberato, se prima non hai preso coscienza, ma non è indispensabile, non è obbligatorio. Solo un consiglio...consiglio d'amore.
Buon Viaggio