Passa ai contenuti principali

Incontrare la Dea e seminare bellezza


La figura della Dea Madre Natura, diversamente da quella del Dio Padre nei cieli, è qualcosa di reale, tangibile e fisico. E’ la stessa sostanza della quale sono fatti i nostri corpi, possiamo assistere ai miracoli di questa Dea ogni giorno: il sorgere del sole, lo sbocciare di un fiore, la bellezza del mare etc. sono tutte manifestazione di questa Dea potente e che tutti riconosciamo come meravigliosa, chi di fronte a un paesaggio naturale non resta sconvolto e coinvolto fin quasi alle lacrime? 


Il vedere la Dea nella nostra vita di ogni giorno, ci porta anche ad averne maggior rispetto e a vivere la divinità nella nostra quotidianità. Il Dio padre che vive nei cieli, non il sole, ma proprio l’entità alla quale molti esseri umani dicono di credere o di sentire, è distante, lontano, invisibile, certo alcuni lo sperimentano nel proprio cuore, ma in quel caso è un qualcosa di diverso, intimo, personale. Credo che i disastri ambientali ai quali stiamo assistendo traggano la loro origine proprio dallo spostamento della divinità, Dio è lassù o nel mio cuore, quindi qui intorno posso fare un po’ quel che voglio…la Dea invece è sotto i miei occhi sempre, farle del male significa fare del male a me stessa. Al di là dei nomi che possiamo assegnare a quel che sentiamo: Dio, Dea etc. l’importante è dove percepiamo la divinità.  
Per chi non sempre riesce a percepirla dentro di sé, un buon primo passo può essere quello di osservare la natura e la sua sacralità. Tutto è equilibrio è armonia in natura, è evidente a tutti, proprio per questo, iniziare a guardarsi intorno aiuta a risvegliare la sacralità in se stessi. Vedendo la perfezione fuori si entra magicamente in un’armonia interiore istantanea. Credo che tanti soldi spesi dagli psicologi potrebbe essere risparmiati se le passeggiate in mezzo alla natura fossero una pratica frequente. Posso garantire per esperienza diretta che i consigli degli alberi sono più saggi di quelli degli uomini, se non altro perché esistono da molto più tempo e hanno più esperienza di vita rispetto alla nostra.
Pazienza, amore, accoglienza e nutrimento, queste le parole chiave.


Possiamo trovare un parallelismo tra lo spostamento della divinità e la nostra vita quotidiana, nel cambiamento della visione della donna nei secoli, prima sacerdotessa e madre, portatrice di vita e guarigione, poi manifestazione del male, punita da Dio e causa di ogni sventura. Oggi questa visione sta lentamente cambiando: molto donne, Dee, si sanno risvegliando alla propria vera essenza. Personalmente credo che ciascun essere racchiuda in sé le due polarità, maschile e femminile ma il corpo che abbiamo su questa terra è scelta d’anima per poter vivere determinate esperienze e giocare al ruolo che abbiamo scelto. Ma qual è il ruolo? Chi determina le forme che scegliamo di impersonare? Da una parte c’è quel che ci viene insegnato e mostrato, dall’altro c’è quel che noi sentiamo in noi stesse e spesso le due cose non coincidono. E’ proprio su quel che sentiamo che dobbiamo focalizzare l’attenzione per stare bene con noi stesse.



 E’ solo scendendo nel nostro cuore e aprendo la porta a quel che siamo che possiamo vivere ed esperire la bellezza che abbiamo dentro. Questo tipo di approccio non riguarda solo le donne, ma è qualcosa a cui qualsiasi essere umano può accedere.
Seminare bellezza, esattamente come Madre Natura fa ogni giorno è parte del nostro compito, del nostro gioco e del nostro ruolo come esseri umani su questa terra meravigliosa.
Buon viaggio!


                                             

Il ciclo di incontri del “Risveglio della Dea interiore” si svolgerà per l’anno 2017/2018 nelle città di Brescia e Torino.
A Brescia il primo incontro sarà mercoledì 27 settembre, per tutte le informazioni e per le iscrizioni scrivi a vegaro24@gmail.com
Per l'evento FB CLICCA QUI
A Torino il primo incontro sarà il 26 ottobre, per tutte le informazioni e iscrizioni scrivi a: workconoscitestesso@gmail.com

Per tutte le informazioni sulle mie attività, gli incontri, le pubblicazioni e i corsi visita la mia Pagina FB!



Quest’anno gli incontri del Laboratorio Magicofantastico si terranno a Torino, Roma e Trieste, per tutte le informazioni scrivi a vegaro24@gmail.com
Giulia Tel. 347/0570278

Ecco le date del primo incontro nelle diverse città:
Torino: 24 settembre 2017
Trieste: 1  ottobre 2017
Roma: 22 ottobre 2017




L'8 ottobre 2017 a Milano sarò presente al Dreamers Day, un evento imperdibile creato da School for Dreamers per tutti i sognatori del mondo! 
PER ACQUISTARE IL TUO BIGLIETTO E PER TUTTE LE INFORMAZIONI SULL'EVENTO CLICCA QUI!




Ti ricordo che da questo mese se desideri acquistare i miei libri direttamente da me con una dedica personale e unica, puoi farlo scrivendo all'indirizzo mail: vegaro24@gmail.com




                                              La quadratura del cerchio




                                                  Quel che una Strega sa



                                     

                                                                     IL PICCOLO DREAMER




Per conoscere il "Progetto Felicità del Piccolo Dreamer" e le lezioni di felicità nelle scuole elementari CLICCA QUI!


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…