Pagine

martedì 14 marzo 2017

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore 2°Parte

Nel post precedente abbiamo parlato di reale volontà, per comprendere più in profondità questa definizione dobbiamo osservarci con un occhio esterno: tutto quel che abbiamo realizzato, tutto ciò che abbiamo vissuto, persino il nostro aspetto fisico è frutto di una volontà nostra, magari inconscia, nascosta, ma tutto ciò che è si mantiene in essere grazie all’energia che ci abbiamo investito. 


Spesso si è insoddisfatti del proprio presente, qualcosa non torna, non era esattamente così che sognavamo la nostra vita eppure quel che siamo oggi è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni passate. Molti di noi hanno un meccanismo interno che li porta a un autocritica feroce e spietata di se stessi, non riescono a vedere quanto in realtà abbiano già realizzato, quanto in realtà siano belli, ricchi di talento e qualità. Per comprendere quindi i meccanismi che ci pilotano basta osservare quel che manifestiamo in questo momento, e se quel che vediamo non ci piace significa che non siamo allineati con la vibrazione del nostro cuore, che c'è qualcosa che ci disturba, che ci allontana.
Esplorare e conoscere questo "qualcosa" è parte del lavoro interiore che dovrebbe fare chiunque sia interessato a sperimentare la Magia del Cuore nella propria vita.
La Magia del Cuore è come dice la stessa definizione, la magia creata dal cuore. Quando riusciamo a smettere di ascoltare il chiacchiericcio mentale e a sentire e vedere il mondo attraverso il nostro cuore tutta la nostra vita cambia. L’operatore di Magia del Cuore è quindi qualcuno che cerca e trova questo allineamento, in misura sempre maggiore fino ad arrivare ad una fluire costante con questa energia, in amore verso se stesso e tutto ciò che lo circonda.


Ma che cos’è l’amore? In questa sede quando usiamo la parola amore intendiamo la completa e totale accoglienza di qualcosa o di qualcuno, in primo luogo verso se stessi e in seguito tutto il resto. Non si tratta quindi del riversare un sentimento in una direzione specifica, o di voler bene ma contemporaneamente desiderare cambiamento ma di accogliere totalmente e con gioia quel che c’è, uscendo dai giudizi e da quel che “secondo noi” è giusto o sbagliato. Un lungo cammino dunque che ci porta, nel tempo, a uscire dalla paura per entrare nell’amore.
Credo sinceramente che questo sia il percorso a cui ogni anima è destinata. Ci sono molte tecniche e metodi per iniziare a lavorare con la Magia del Cuore, allo stesso tempo non c’è bisogno di nulla, la vita porta lezioni quotidiane a chi è presente a se stesso.
La decisione è fondamentale, l’inizio della Pratica è una decisione, decidere di voler iniziare a vedere il mondo con gli occhi del cuore e rinnovare dentro di noi questa promessa in ogni momento, specialmente in quelli difficili in cui ci sentiamo bloccati o in difficoltà, oppure in cui ci accorgiamo di essere immersi nel dialogo interiore. Ritornare quindi al centro di noi stessi, in un respiro, ogni volta che ce ne ricordiamo questo è l’inizio e anche la fine della Pratica!


Se desideri approfondire questi argomenti il prossimo incontro del Laboratorio Magicofantastico sarà a Torino, il 2 aprile 2017, tempo permettendo faremo esperienza di noi stessi nel bosco, per esplorare la nostra profonda connessione con gli elementi e entrare in comunicazione con forme di vita diverse dalla nostra.
Per tutte le informazioni scrivi a: workconoscitestesso@gmail.com

A presto e Buon Viaggio!
Con Amore

Vega