Passa ai contenuti principali

La Magia del Cuore

Ci sono tante persone che mi scrivono perché non capiscono cosa sia la Magia del Cuore e non comprendono quindi come usarla nella propria vita; chiedono incantesimi, riti e ogni tipo di “trucco” per sfuggire alla loro realtà ordinaria. Grazie alla letteratura, il cinema e le altre arti, l’uomo comune ha ridotto la sfera della magia a un insieme di parole e misture, senza mettere invece l’attenzione su chi, anche in una pellicola cinematografica pronuncia le suddette parole. Le parole e le erbe servono a ben poco se prima non si è passati attraverso un profondo lavoro su se stessi. 


La Magia del Cuore si fonda sulla capacità di mettersi in connessione con il nostro sé più profondo e seguire la strada che egli ci indica, non attraverso le parole ma attraverso le vibrazioni. Come ho già spiegato in passato all’interno di molti articoli presenti in questo blog, la mente non è nostra, trattasi invece di un’entità energetica a se stante che si nutre della nostra energia psichica. Entità che bisogna imparare a conoscere e dominare se si vuole avere accesso alla vibrazione della nostra anima.
Il silenzio interiore e la chiave e la base di ogni operazione magica, ma che cos’è allora un’operazione magica? Potete trovare moltissimi testi esoterici sull’argomento ma in questa sede io voglio proporre una nuova visione di questa espressione. Un’operazione magica, a mio avviso, è la capacita di connettersi al nostro sé profondo e attraverso l’uso della volontà realizzarne gli intenti, questi intenti creano beneficio a più persone possibili e aumentano la nostra armonia interiore.  Come sempre ci sono diverse profondità di interpretazione per questa definizione, ciascuno la applichi a se stesso nel modo che ritiene più opportuno. Parlando di vibrazioni non vi si chiede quindi di comprendere mentalmente quel che scrivo ma di provare a sentire che cosa accade nel vostro corpo quando siete nel silenzio, quel che accede spesso è uno stato di benessere incondizionato che ci fa sentire in armonia con tutto l’universo. Improvvisamente seguendo questa vibrazione, che mi piace chiamare Magia, si aprono squarci di consapevolezza e bellezza, iniziamo a scorgere il Grande Disegno e questo pianeta da Valle di Lacrime si trasforma in Paese dei Balocchi, in cui fare esperienza della vita in tutte le sue forme.
Lavorando a contatto con diverse persone all’interno dei miei Laboratori ho scoperto che quando una persona inizia ad affidarsi questa Magia accade, affidarsi a cosa? Per ognuno è diverso, alcuni spezzano la corazza aprendosi a una compagna di Laboratorio, altri all’energia che sentono scorrere in tutte le cose, altri ancora alla divinità che riconoscono in se stessi, ringrazio ogni giorno la vita che mi ha condotta a incontrare anime tanto meravigliose, a ogni  corso assisto a nuovi miracoli!
La Magia del Cuore è quindi la strada che ognuno di noi è chiamato a percorrere per scoprire chi è e vivere l’incanto si se stesso e della vita tutta, si può fare in tanti modi e tenendo gli occhi aperti possiamo trovare la nostra chiave. Auguro a tutti coloro che mi leggono di iniziare questo meraviglioso viaggio all’interno di se stessi, per cominciare ad Amare e Vivere Davvero.
Grazie.

Buon viaggio!

                                                              PROSSIMI APPUNTAMENTI





                        12/13 MARZO MILANO SEMINARIO BASIC SCHOOL FOR DREAMERS






                                                                  A QUESTO LINK PUOI ACQUISTARE IL MIO ULTIMO LIBRO! 


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…