Passa ai contenuti principali

Incantesimo per la serenità


“Il momento presente è perfetto così com’è.
Il Passato è storia e memoria, il Futuro è un mistero e una proiezione.
Il presente è ed è un dono”
Deepak Chopra

Fermiamoci un attimo a riflettere su queste parole, da dove viene la frenesia che spesso ci travolge? “Ci fa avere l’impressione di essere sempre di corsa, crediamo di non avere mai abbastanza tempo e ritagliare uno spazio solo per noi ci sembra impossibile” mi scrive una lettrice. Credo che sia importante per uscire da questo meccanismo (sì, anche questo è un meccanismo mentale) definire le proprie priorità e comprendere che la convinzione di essere sempre di fretta è solo una convinzione dovuta alla mancanza di presenza nel momento presente. Mentre ci laviamo pensiamo già a come ci vestiremo, mentre ci vestiamo pensiamo già a quando saremo a lavoro, giunti a lavoro pensiamo al pranzo, alla palestra, agli amici, non siamo mai veramente dove siamo, questo vivere nel futuro genera ansia e quest’ansia che sia più o meno forte ci fa sentire “di fretta”. Il segreto per uscire da questo meccanismo è molto semplice, prima di tutto devi sempre ricordarti il perché vivi questa vita, come ho ampiamente spiegato nel post: “La santificazione dell’istante” (http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/05/la-santificazione-dellistante.html).


Un altro punto fondamentale viene dall’osservazione sincera di te stessa, conoscendoti noterai che raramente metti te stessa al primo posto, questo è un limite che viene dalla prima educazione, chi pensa a se stesso è egoista, questa è la convinzione imperante di un’umanità degradata che ha dimenticato cos’è il vero amore e ha barattato la propria felicità in cambio di certezze illusorie. C’è chi pensa sempre agli altri dimenticando che la persona più importante della tua vita sei TU! Senza di te nulla di quel che vivi esisterebbe, i tuoi occhi sono la finestra dalla quale guardi il mondo, se la finestra è appannata e trascurata non solo non potrai essere felice ma non potrai neanche essere veramente utile agli altri.
Ti suggerirò una piccola pratica che ti aiuterà a ristabilire le tue vere priorità e a vivere in uno stato di serenità e lucidità.
Come sempre puoi scrivermi per dirmi come questa pratica ha reso speciali le tue giornate. Grazie!
Buon Viaggio!

Pratica magica per la serenità

Per prima cosa procurati un foglio di carta e una penna, oppure continua a scrivere sul quaderno che hai usato per gli incantesimi precedenti, ora rispondi a queste domande, scrivendo le risposte:
Chi è la persona più importante della tua vita?
Perché?
Quali sono i gesti, le azioni e i pensieri ai quali vuoi dedicarti almeno un’ora al giorno e che riguardano solo te?
(Non mettere limiti a questa risposta, per qualcuno potrebbe essere un massaggio, per altri leggere un libro…fare una passeggiata, imparare a suonare uno strumento musicale, stare sdraiati sul divano senza far nulla etc. solo TU sai di cosa hai bisogno per TE Stesso!)
Ora organizza la tua settimana a partire da oggi in base alla risposta che hai dato all’ultima domanda, trova il modo di ritagliare del tempo per te ogni giorno. Se non hai un’ora bastano 10 minuti ma trova il modo.
La seconda parte della pratica è un po’ più impegnativa ma sono sicura che se il tuo scopo è essere serena ti impegnerai al massimo per riconquistare il tuo spazio.

Chiudi gli occhi e visualizza te stessa, guardandoti dall’esterno come potrebbero guardarti i tuoi genitori o una persona vicina che ti ama molto, sforzati di provare per te stessa l’amore che provano queste persone per te, osserva i tuoi occhi, il tuo corpo, studiati nei minimi dettagli per tutto il tempo che ti sarà necessario fino a che non sentirai nascere dentro di te un sentimento di amore vero. Non è detto che tu ci riesca la prima volta, in ogni caso questa pratica va ripetuta giornalmente per almeno una settimana, ogni giorno dedica un momento all’amore di te, allo sforzo di accettarti senza giudicarti, ti garantisco che se farai questa pratica con costanza la tua vita cambierà radicalmente e ricordati sempre che sei qui per gioire ed essere felice…te lo meriti!



Guarda il video tratto dal libro

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…