Passa ai contenuti principali

Incantesimo per il Coraggio

"La paura è il primo nemico naturale che l'uomo deve superare lungo la strada verso la conoscenza" Don Juan

La paura è l’emozione più devastante che possiamo provare: ci paralizza, bloccandoci e impedendoci di vivere i nostri sogni. Quante volte avremmo volute dire o fare… ma a causa del famoso blocco nello stomaco non siamo riusciti a realizzare il nostro intento, ci diciamo che la paura è più forte di noi, che è naturale, che “se incontri un leone nella foresta la paura serve a non farsi mangiare”. 
Purtroppo o per fortuna però, non viviamo più nella foresta e le nostre paure sono per lo più legate a problematiche immaginarie che non hanno nulla a che vedere con la sopravvivenza del nostro corpo, dobbiamo quindi come prima cosa imparare a distinguere tra paure concrete e paure immaginarie. Le paure concrete sono quelle che minacciano la sopravvivenza del nostro corpo nel momento presente, appartengono la nostro patrimonio genetico, potremmo definirle “naturali”, la famosa paura del leone di cui parlavamo prima. Le paure immaginarie sono formate da tutta quella serie di pensieri che non hanno quasi nessuna connessione con la realtà del momento presente, solitamente sono fantasie sul futuro legate ad esperienze passate, per esempio: abbiamo sofferto per amore in passato, incontriamo qualcuno che ci piace e abbiamo paura di soffrire nuovamente anche se la persona che frequentiamo ora non è la stessa che ci ha fatto soffrire in precedenza, oppure dobbiamo fare un colloquio di lavoro e abbiamo paura di non farcela anche se sappiamo di essere competenti e preparati per quel lavoro. 
Le paure immaginarie non hanno nessuna utilità pratica, anzi, molto spesso, sarà proprio la nostra paura immaginaria a bloccarci e impedirci di vivere pienamente e con gioia il momento presente. E’ importante sottolineare che più si ha paura e meno si può essere felici, le nostre paure creano intorno a noi un recinto invisibile che preclude il passaggio ad esperienze bellissime probabili. Il nostro futuro è un insieme di probabilità, a partire del nostro comportamento e dei nostri pensieri di adesso scegliamo e creiamo un nuovo futuro, per questo lavorare sulle proprie paure per sconfiggerle è così importante, perché solo attraverso questo tipo di lavoro su noi stessi possiamo essere liberi di scegliere…davvero! 
Ci sono tanti metodi per liberarsi dalle proprie paure, è un impegno che può prendere molto tempo e necessita di forza di volontà e determinazione, ma come ti ho già detto tante volte il lavoro magico non è per tutti: solo per chi vuole essere libero e desidera prendere sulle proprie spalle la totale responsabilità della propria vita.
Nel caso in cui la paura si manifesti all’improvviso il mio consiglio è di non scacciarla ma di restare presenti e osservarne la manifestazione: in quale punto del corpo colpisce? Che sensazioni mi dà? Tremo? Per il solo fatto di porvi l’attenzione e osservarla noterai già una notevole mutazione della manifestazione, in seguito respira profondamente fino a calmarti. In nessun caso devi prendere decisioni o agire quando sei sotto il controllo delle tue paure, aspetta di calmarti: sempre!





Condividerò con te una serie di passi da fare per sviluppare in te la forza del coraggio, in modo che piano piano tu possa liberarti dalle paure irreali e vivere un’esistenza più felice e libera.

Buon Viaggio!

Incantesimo per il Coraggio

Per iniziare: prendi un foglio di carta oppure scrive sul quaderno che hai usato per gli altri incantesimi e scrivi un elenco di tutte le tue paure, piccole e grandi, dal timore degli insetti ad esempio al terrore di parlare in pubblico, timore di dimenticare il gas o la porta aperti, paura dell’altezza etc. Una volta terminato l’elenco suddividilo tra paure che hanno un legame con il momento presente e minacciano la tua incolumità fisica e quelle irreali che sono solo proiezioni di futuri possibili per nulla certi. Vedrai che le paure irreali sono moltissime, ma non ti preoccupare, è normale!
Ricordati sempre che l’unico modo per sconfiggere una paura è affrontarla, in realtà ciascuno di noi conosce benissimo i passi da fare per superare una propria paura ma la paura della paura blocca questo processo. L’incantesimo per il coraggio ti permette di rafforzare quella parte di te che vuole vivere, sperimentare, che non teme nulla, ed è una pratica che dovrai ripetere quotidianamente fino a che non ti sentirai forte abbastanza per affrontare ad una a una le paure dell’elenco, partendo dalle più piccole, praticandolo ti accorgerai che molti timori svaniranno senza neanche il bisogno di affrontarli direttamente perché irreali. Abbiamo già parlato negli incantesimi precedenti dell’importanza dell’auto-osservazione e della presenza nel momento presente, ricordati sempre che questi due punti fanno la differenza tra un praticante di magia e una persona ordinaria.
Ogni  sera troverai dieci minuti per te stessa, ti siederai per terra, respirerai profondamente fino a che non ti sentirai completamente rilassata, a quel punto prenderai l’elenco delle tue paure, ne sceglierai una, chiuderai gli occhi e immaginerai di affrontarla e vincerla, ricordati sempre che immaginare significa: in me mago agere. Ad esempio se hai paura di un esame, immaginerai di passarlo parlando in modo disinvolto etc. 
Se farai bene l’esercizio, una volta sconfitta la paura nell’immaginazione dovresti provare una bellissima sensazione nel corpo, se non la provi, vai avanti fino a che non hai questa percezione. Ricorda sempre che modificare la realtà significa innanzitutto modificare il proprio modo di pensare. Una volta terminata la visualizzazione ringrazia te stesso per aver avuto il coraggio di affrontare una determinata paura. 
Ti garantisco che la pratica costante di questo incantesimo per la mente, ti renderà più forte e permetterà la manifestazione nella tua vita di eventi differenti e più felici.


Come sempre puoi scrivermi per dirmi come questo incantesimo ha reso speciali le tue giornate. 


                                                                                 

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…