Passa ai contenuti principali

Incantesimo dell’autenticità 2° parte (vivere i propri sogni)


Vivere i propri sogni è il desiderio cosciente di ciascuno di noi ma cos’è che fa sì che per alcuni questo desiderio diventi realtà e per altri no? In magia si dice che non esistono colori, non ci sono magie bianche, rosse o verdi ma magie che funzionano e magie che non funzionano, l’essenza dell’intento è determinata dal cuore dell’operatore, dalla sua purezza e dalla sua apertura. Il cuore è quindi il nucleo energetico, il motore che dà all’intento la forza necessaria ma i nostri pensieri e le nostre parole sono il veicolo attraverso il quale comunichiamo all’Esistenza i nostri sogni. In questa visione è chiaro che il lavoro magico è un lavoro a tempo pieno, creare un intento: “voglio essere felice” per un attimo e poi passare il resto della giornata a formulare pensieri distruttivi o “negativi” riguardo noi stessi, gli altri, il mondo non produrrà la felicità desiderata. Se hai praticato la prima parte dell’incantesimo dell’autenticità, ponendo attenzione alle tue sensazioni, ti sarai certamente accorta che non sempre il tuo essere vibra di gioia e piacere, e che spesso quando questo avviene non sai neanche spiegarne il perché. Dobbiamo sempre ricordare che siamo composti da una parte conscia e da una parte inconscia, mentre il conscio dorme, l’inconscio non dorme mai, è operativo 24h su 24 e lavora incessantemente, registrando suoni, sensazioni. Vivere in un ambiente ricco di suggestioni sonore dissonanti come quello delle nostre città non aiuta, per questo è necessario creare un proprio spazio armonico per ascoltarsi e respirare pace interiore. Ascoltare musica classica, non martoriare le proprie orecchie ed i propri occhi con zapping continuo tra radio e televisione è parte di un processo volto a ritrovare la propria autenticità. Ciascuno di noi, se è sincero con se stesso può facilmente comprendere cos’è che nelle proprie abitudini va modificato per non subire continue interferenze esterne anche quando ha tempo e modo di creare per sé un ambiente differente: per alcuni potrebbe essere la scelta di una musica diversa da ascoltare nei tragitti in automobile, per altri spegnere la televisione, per altri ancora cambiare la suoneria del proprio cellulare. Sperimentate, provate, cambiate e scoprite qual è l’ambiente ideale per voi. Spesso conoscerci davvero ci fa scoprire che c’è qualcosa dentro di noi che “SA” ciò che ci fa stare bene, essere felici e in armonia, dobbiamo solo fare lo sforzo di andare incontro a questo qualcosa e ascoltare quel che ci comunica.

Continuiamo in questo articolo l’incantesimo iniziato la settimana scorsa: http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/04/incantesimo-dellautenticita.html
Se non hai ancora praticato la prima parte dell’incantesimo per una settimana, dedicati prima a quello  poi prosegui con questa seconda parte.
Crea un ambiente armonico intorno a te con tutte le suggestioni che più ti piacciono: musiche o silenzio, profumi, piante etc., dedicati in questa settimana a rendere armonico ciò che ti circonda che sia in casa, in ufficio, e in tutti i luoghi in cui senti di poterlo fare. Una volta creato l’ambiente e sperimentata la pace interiore e l’armonia che provoca in te, focalizzati sull’intento di portare questa sensazione anche al di fuori degli ambienti preposti. Devi sapere che il cervello registra le sensazioni e tutte le suggestioni che sono abbinate alle sensazioni stesse, ad esempio se nel tuo ambiente armonico diffondi una determinata essenza, la tua mente la collegherà quel profumo alla sensazione di pace, portarla con te potrebbe esserti molto utile! Vedrai che il cambio di ambiente inizierà a dare forza ai tuoi sogni e sarà molto più semplice per te viverli.
Ricorda: conoscersi e intervenire sui propri stati interiori è magia pura, è operare consapevolmente in direzione della propria felicità in armonia con l’autentico intento del tuo cuore.
Buon Viaggio…




Come sempre puoi scrivermi per raccontarmi come questo incantesimo ha reso speciali le tue giornate. Grazie!


                                                                    

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…